Reporter

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

Reporter
reportage da festival ed eventi, interviste e incontri
<<< torna al sommario

Mostra del Cinema di Venezia 2009
66 Mostra del Cinema - Venezia

La diretta dalla Mostra: video e microblogging
Il cartellino della Mostra

Il grande pannello all'ingresso della Mostra

CONCLUSIONI
Con una grande festa è finita la Mostra del Cinema di Venezia.
Il protagonista è stato come sempre solo il cinema e la tanta dedizione e passione di migliaia di persone che sono correvano da una sala all’altra cercando di non perdere neppure un fotogramma.
Sono come sempre loro i vincitori.

I ragazzi che dormono sulla spiaggia del Lido perché hanno voluto vedere anche il film di mezzanotte e poi hanno perso il vaporetto.
I ragazzi che sono arrivati con due soldi, che cercano di economizzare ogni spesa e di sopravvivere per dodici giorni cercando di intrufolarsi nelle feste per poter mangiare.
I ragazzi che fanno amicizia nelle lunghissime file parlando di film visti e scambiandosi opinioni e pareri.

Il Leone d’Oro è meritato e forse anche prevedibile, dopo l’intervista del Direttore Muller che lo aveva definito la ‘’sorpresa del festival’’.
Lebanon è un incubo, quello della guerra, vissuto con dei soldati. 
Un film che riempie tutti i sensi umani, corporeo.

Meritato, ma soprattutto per il verde indossato dai protagonisti, il Leone d’Argento a Shirin Neshat.

Personalmente il film che avrei visto volentieri vincitore al Leone d’Oro è Lourdes.
Un film dalle tantissime letture che ci ha raccontato del desiderio e della voglia che abbiamo di credere nei miracoli.
Non sappiamo se esistono, siamo dubbiosi. Quando ci raccontano di miracoli avvenuti siamo sempre i primi ad essere scettici ed a sostenere che le leggende e i creduloni sono inesauribili.
Eppure non possiamo fare a meno, nel nostro intimo, a pensare che il mondo sarebbe migliore se ci fossero. Di nascosto, senza farci scoprire continuiamo ad essere sicuri che esistono e sperare di vederne uno.
C’è tanta spiritualità nel film.
Indimenticabile il finale del film. Festa di ballo per la partenza con i malati ed i volontari del pellegrinaggio, il cantante che canta Felicità di Al Bano e alcuni che provano a ballare ed altri che pensano e sperano.

Il cast del film Gordos

Il livello generale dei film è stato sicuramente buono.
Molte sorprese si sono state anche nelle due sezioni: settimana della critica e giornate degli autori.
Ho apprezzato in queste sezioni il film Gordos, una delle poche commedie, con capacità di far ridere il pubblico presenti al festival.
Si sa oltre i film comici nei festival non sono mai troppo presenti anche i film di genere come i film di azione. Sempre in queste sezioni invece abbiamo visto un altro interessantissimo film spagnolo Celda 211. Un film d’azione, un prison movie, veloce ed interessante.

Il vero sconfitto è anche questo anno il cinema italiano.
Nonostante le tante spinte e le attenzioni dell’organizzazione, i quattro film in concorso, i tanti soldi spesi in Baaria non si vedono tante speranze.
Chiuso nei suoi difetti che sono i soliti, mancanza di soggetti, poche idee, formalismo esagerato, minimalismo stucchevole, soliti ruoli, soliti personaggi, musica esagerata.
L’unico film che si può salvare è Il compleanno di Marco Filiberti.
E’ tutto altro che un capolavoro, ha anche questo tutti i soliti difetti ma direi che la storia è la più solida ed i personaggi veri.

Roberto Matteucci


Recensioni

Ahasin Wetei (Between Two Worlds)
Vimukthi Jayasundara

Il Compleanno
Marco Filiberti
Le solite canzoni italiane che accompagnano scene anche lunghe come dei Juke Box...

Zanan bedoone mardan (Women Without Men)
Shirin Neshat

Touxi (Cina)
Jie Liu

Lebanon
Samuel Maoz
Come i soldati israeliani entriamo dentro questo carro armato e non ne usciamo solo alla fine del film

Domaine
Patric Chiha

Delhi - 6
Mehra Rakeysh Omprakash

Tehroun
Takmil Homayoun Nader

Zarte Parasiten (Tender Parasites)
Christian Becker
Queste due coppie sono entrambe delle vittime del dolore ed il loro incontro diventa unicamente una scappatoia ed una speranza per entrambe.

Gordos
Daniel Sanchez Arevalo

Lo spazio bianco
Francesca Comencini
Ci siamo sorbiti una ora e mezzo di noia, profonda noia, svegliati unicamente quando si accendeva il juke box

Lourdes
Jessica Hausner

White Material
Claire Denis

Paraiso
Hector Galvez
Il film corre veloce e con tanta gentilezza nelle immagini


Felipe Hirsch
E' un film difficile quello che hanno voluto fare e soprattutto non si sono nascosti dietro parole ed azione

Io sono l'amore
Luca Guadagnino
La passione, i sentimenti che si vogliono raccontare sono abortiti sul nascere, con tante flussi che partono ma non arrivano.

Tetsuo The Bullet Man
Shinya Tsukamoto

Celda 211

Lei wangzi - Prince of Tears
Yonfan

Life during wartime
Todd Solondz

Francesca
Bobby Paunescu
Un film di storie rumene che potrebbero essere italiane e che val la pena di andare a vedere