NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Tungngaan (3D) – The Child’s Eye
Anno: 2010
Regista: Oxide Pang; Danny Pang;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: Hong Kong;
Data inserimento nel database: 06-09-2010


Ciascuno di noi ha il proprio incubo e le proprie paure. Gli horror riflettono questi pensieri più reconditi. Noi occidentali abbiamo il diavolo ed i nostri esorcisti. In oriente hanno i loro spiriti, morti rancorosi, i quali non riescono a liberarsi e a staccarsi dal mondo. Gli spiriti continuano ad aggirarsi fino a quando qualcuno non riuscirà a riscattarli dal proprio rancore. Ovviamente i nostri diavoli hanno la mia preferenza. Con il diavolo il bene ha la sua antitesi e scopriamo la loro contemporanea presenza dentro di noi. Anche se siamo buoni abbiamo dentro di noi il maligno. Per liberarci abbiamo bisogno di un esorcista: uno psicanalista gratuito. Lo spirito invece viaggia più liberamente. Non ha delle regole. Questo gli da il vantaggio di essere più fantasioso, e la loro presenza rende i racconti più immaginari. E la fantasia non manca a Oxide Pang e Danny Pang autore di Tungngaan – The Child’s Eye horror in 3D. Tre coppie di giovani di Hong Kong sono bloccate a Bangkok dalle manifestazioni all’aeroporto, nessuno poteva più partire. I sei ragazzi devono trovarsi un hotel economico. Sappiamo bene, gli hotel a basso prezzo di Bangkok sono proprio infimi a tutti i livelli. Questo invece è un affare; il prezzo basso comprende un’avventura fantastica, aiutandoli a superare le loro crisi. La trama è tutta un gioco classico. La novità riguarda l’aspetto canino della storia. Non siamo di fronte ad un dramma umano ma a quello di tanti cani vittime della brutalità umana. Uno spot pubblicitario contro l’abbandono e il maltrattamento dei cani. Cani ed uomini si fondono e per farlo bisogno creare tutto un mondo fantastico in cui vivere ed essere prigionieri. Il film è divertente e sotto tanti aspetti ironico.