NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Gaosutamen, wochengbaihe qu le – Fly With The Crane
Anno: 2012
Regista: Li Ruijun;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: Cina;
Data inserimento nel database: 24-09-2012


“Pur nuova legge impone oggi i sepolcri fuor de' guardi pietosi, e il nome a' morti contende.” Il regista Li Ruijun è un novello Ugo Foscolo, e narra dei suoi Sepolcri nello struggente e poetico Gaosutamen, wochengbaihe qu le – Fly With The Crane. In alcuni comuni della Cina le autorità vietano la sepoltura dei cadaveri nella terra, obbligando i parenti alla cremazione dei corpi. La disposizione contrasta con l’animo degli anziani dei villaggi, i quali desiderano rimanere, anche da morti, nella loro terra, cavalcando secondo la tradizione una gru bianca: “Anche io voglio salire su una gru bianca.” Lao Ma,è stato un uomo vitale nella sua comunità. Ora è vecchio, stanco e sofferente. Con la sua famiglia ha un rapporto discordante. I figlinon gli fanno mancare l’amore, ma lui comprende di essere un peso. In una bellissima accesa luce abbondante, i bambini giocano vicino agli anziani. È la campagna cinese. La scena iniziale è l’approccio romantico sulla concezione confuciana del nucleo familiare. I bambini sono il futuro, giocano tutti insieme, gli anziani sono con loro, e sono pronti a lasciargli il loro posto. Lao Ma ha il terrore di morire perché non vuole essere del semplice fumo uscito da una ciminiera, lui vuole rimanere con la terra, dove è nato e lì deve tornare. Ma il sindaco irremovibile e la famiglia non vuole contrastare la legge. Qualcosa con i figli si è interrotto, mentre il legame con i nipoti, ancora fanciulli, rimane emotivo. Uno dei giochi preferiti dai maschietti è mettere la testa sotto la sabbia e contare. L’ultimo a uscire è il vincitore. Il regista innalza un legame visivo. Il nonno accetta l’ingenuo ma sincero suggerimento dei nipoti. I nipoti lo seppelliranno vivo. Non è un gesto di cattiveria ma un atto d’amore. Mantenendo il segreto, i nipoti potranno impedire al nonno di essere cremato, nessuno saprà, dove si trova. Di forte sensibilità il film, ha undelicato approccio nei confronti della morte, e della vecchiaia. La purezza delle immagini, le scene aperte; la sepoltura del nonno sarebbe di angosciosa tristezza se non fosse tratteggiata con dolcezza e amore. Il vecchio Ma è felice. Per altri sarebbe violenza, per Li Ruijun, è lirismo. Soprattutto lui realizza un misticismo della terra,suscitando un collegamento con la poetica gru bianca. Quando arriva la morte non bisogna essere tristi, è la natura, è il circolo della vita. E il nonno si allontana sulla gru bianca.