NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Hysteria
Anno: 2011
Regista: Tanya Wexler;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: UK; Francia; Germania; Lussemburgo;
Data inserimento nel database: 02-03-2012


"La teoria dei germi Ź solo una corbelleria." Sigmund Freud in Tre saggi sulla teoria sessuale aveva le idee chiare sull'origine dell'isteria: "Il carattere isterico rivela un grado di rimozione sessuale che oltrepassa la misura normale, una intensificazione di quelle resistenze contro la pulsione sessuale che abbiamo imparato a conoscere sotto il nome di pudore, disgusto e morale, un rifuggire quasi istintivo dall'occupare l'intelletto con il problema sessuale." Nel 1880 a Londra regnava la regina Vittoria. La situazione medica rispecchiava gli standard del tempo e non lasciava molto scampo alle norme igieniche e sanitarie da noi conosciute. Nello squallore fantasioso degli ospedali emergono degli idealisti della libera e pura sanitą. Uno di questi Ź il Dottor Mortimer, interpretato da Hugh Dancy gią visto in I Love Shopping. I suoi desideri utopici non sono ben graditi alle cliniche dell'epoca vittoriana, e quindi licenziato in tronco. La sua ricerca di lavoro Ź assillante, ma nessuno Ź disposto ad assumere un filantropico visionario, finchŹ un giorno arriva nello studio del Dottor Robert Dalrymple. Il primo approccio Ź strabiliante. La sala d'aspetto Ź piena, non ci sono posti a sedere liberi, Mortimer intimidito osserva la stanza: sono tutte donne. E' assunto all'istante perchŹ il dottore ha un vitale bisogno di una mano. La sua specialitą ä la cura dell'isteria femminile, di cui soffre la "metą delle donne di Londra." La terapia del Dottor Robert Ź sottoporre, le sue pazienti donne, a un trattamento stupefacente. In realtą pratica un'esplorazione manuale della vagina, alla ricerca di placare la l' "iperattivitą dell'utero." Semplicemente gli fa un ditalino. Il Dottor Mortimer Ź inserito a questa nuova attivitą, ma l'intenso lavoro del polso gli provoca degli spasmi e delle fitte alla mano destra. Grazie all'aiuto del suo mentore Lord Edmund St. John-Smythe - Rupert Everett - sostituirą il continuo e insistente uso della mano con un aggeggio elettronico. Abbiamo l'invenzione del vibratore. Con un costante uso l'isteria della donna sparisce. Il film Ź divertente, la regista Tanya Wexler sfoggia un linguaggio ironico, aiutata anche da un argomento vibrante, mai volgare. La pellicola ä adagiata su una velatura soffice, delicata, disegnata con sfondi patinati e teatrali, come la panchina dell'incontro degli innamorati posta al centro dell'inquadratura circondata da una cornice d'alberi ricchi di foglie gialle. La Londra Ź palesemente finta, artificiale, costruita come un gioco. I personaggi sono esagerati, sopra le righe, si muovono come delle marionette, sapendo gią dove incanalarsi. Il risultato Ź delicato e gentile. Esempi. La ricerca martellante del lavoro Ź una scena senza voce. L'incontro con stravaganti dottori ha una risposta in una poltrona a cui si siede depresso il Dottor Mortimer dopo l'ennesimo rifiuto. Il tutto Ź ripetuto fino a diventare una comica. Le paludate immagini dei quadri dell'aristocratica casa del Dottor Robert, assistono al primo sconvolgente intervento del vibratore su una paziente. Il finale Ź un raggruppamento di femminismo e socialismo tout court. Le donne della casa dei poveri sono le uniche a non essere isteriche "perchŹ sono troppo impegnate a procurarsi un pasto." La concentrazione ideologica Ź talmente fasulla da sembrare vero, allineata e simmetrica con tutta la cifra del film. In alcune situazioni mi ricordava Irina Palm, l'anziana donna impiegata in una catena di montaggio di masturbazione intensiva, anche lei sommersa da una Londra oscura e ferita per eccesso d'attivitą lavorativa.