NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Fantasmi da Marte - John Carpenter's Ghosts of Mars
Anno: 2001
Regista: John Carpenter;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 02-12-2003


La grande guerra

Fantasmi da Marte.  John Carpenter. 2001. U.S.A.

Attori: Natasha Henstridge, Ice Cube, Pam Grier, Clea Duvall, Jason Statham, Liam Waite, Joanna Cassidy, Robert Carradine

Durata: 100'

Titolo originale: John Carpenter's Ghosts of Mars

 

 

Che John Carpenter sia un gran regista non v’è dubbio, che un grande regista giri un brutto film non è una novità. Questa pellicola è la pecora nera nel gregge di John Carpenter. Anno 2176: in missione speciale per ritirare un pericoloso detenuto nel distretto minerario di Shining Canyon, una squadra di agenti di polizia si ritrova su Marte a combattere contro una popolazione di space-zombies contrari alla colonizzazione umana del loro pianeta. Il resto è il peggio che si possa aspettare da uno dei più grandi registi della suspence anni 80. Colpi di scena telefonati, personaggi imborghesiti e macchiettistici (Ice Cube non è un attore ma un rapper e non fa nulla per nasconderlo), ed una storia che sa tanto d’idee vecchie come il cucco (a cominciare dal personaggio cattivo, Desolazione Williams, alias Ice Cube). Che Carpenter sappia girare non è una buona scusa per un film così debole. Scarsa fantasia e poco senso del fantastico deludono il migliore (o peggiore) fan del regista statunitense. Proprio un brutto ritorno al cinema (ruolo sprecato anche per Pam Grier, regina del blacksploitation), voluto e firmato sin dal titolo originale (John Carpenter’s ghosts from Mars) musicato e scritto dallo stesso regista (con Larry Sulkis), noioso e sonnolento, non convince quasi in niente. Contro o a favore della colonizzazione? Contro o a favore della citazione? Primo film della Screen Gems, ramo della Sony. Una delusione. Dialogo migliore “Dove stavi prima?” “Ad Utopia, un buco nel culo dell’universo”…… fuori tempo massimo.

 

                                                                                                                        Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com