NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Voyages
Anno: 1999
Regista: Emmanuel Finkiel;
Autore Recensione: Andrea Lojoli
Provenienza: Francia;
Data inserimento nel database: 06-06-1999


Untitled Document

Voyages
Di Emmanuel Finkiel

"J'ai venu surtout pour lui. Parce qu'il sache!"

Così si esprime uno dei passeggeri del pulmann, diretto da Varsavia ad Auschwitz, in questo film a struttura circolare, girato da Emmanuel Finkiel. "Perché lui (il figlio) sappia "come sono andate veramente le cose".
E tra i passeggeri del pulmann (tutti sopravvissuti alla Shoah) c'è Rivka (una donna di 65 anni, che vive ad Israele e che si è unita a questo gruppo di persone) che è la protagonista del primo dei tre episodi che compongono il film, incentrato sulla storia di tre donne diverse ma dallo stesso passato in comune. Rivka sta tornando per sua sorella e sua madre, ma attraverso di lei scopriamo anche le altre storie del gruppo. E più ci si avvicina al campo e più i ricordi si fanno vividi. Piccoli racconti, o anche semplici aneddoti, ma intensi di dolore e di sofferenza, raggiungono lo scopo che il regista voleva donare a questo film, di riportare le stesse emozioni provate su se stesso quando ascoltò per la prima volta queste "incredibili" storie. E così semplici frasi come: "In fondo resta un bel paese", espressa di fronte a quel paesaggio che collega Varsavia ad Auschwitz, acquisiscono un profondo significato, espandendosi nella speranza universale che le cose possano migliorare per tutto il genere umano; come anche per Regina (la protagonista del secondo episodio) a Parigi, in cerca di suo padre, e che forse lo ritroverà nelle sembianze di un vecchio smemorato, o Vera (protagonista del terzo), rimasta orfana e senza nessuno che si occupi di lei, che decide di immigrare in Israele, per trascorrere a Tel Aviv i suoi ultimi anni di vita. In cerca di sua cugina, Vera, salendo e scendendo da un autobus all'altro, girerà tutta la cittą fino all'ultimo autobus dove incontrerà, per caso, Rivka.

Si potrebbe obiettare che è un altro film con tema: l'Olocausto, per far leva sui sentimenti del pubblico, soprattutto per il taglio documentaristico datogli dal regista. Ma il percorso narrativo di questo film, parte dalla sopravvivenza all'Olocausto ma ben presto se ne libera, attraverso la forza di volontà di questa gente che non smette mai di sperare di ritrovare quelle persone che una volta facevano parte della loro famiglia, o della loro vita quotidiana e questo va oltre i campi di concentramento. E il bello del film è vedere questa bella ostinazione sul volto di persone scritta così: "Sono sopravvissuta, ho vinto! Adesso nulla mi può impedire di ritrovare la mia famiglia!" Specialmente nell'ottantenne Vera che cammina a lungo per Tel Aviv, fino allo stremo delle forze, per rivedere sua cugina. Infatti l'episodio di Vera è il migliore dei tre, che ridona velocità al film, sceso di tono nel secondo episodio.

Un film comunque sempre valido, per non dimenticare.