NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Karim e Sala - A karim na sala
Anno: 1991
Regista: Idrissa Oudraogo;
Autore Recensione: Andrea Caramanna
Provenienza: Burkina Faso;
Data inserimento nel database: 20-03-1998


Karim e Sala (A karim na sala)
Regia: Idrissa Ouédraogo
Sceneggiatura: Idrissa Ouédraogo
Fotografia: Pierre Laurent Chenieux, Dominique Perrier
Musiche: Miriam Makeba, Ibrhaim Abdullah, Gwen, Ramon Cabera
Suono: Christian Evanghelou
Montaggio: Dominique B. Martin, Emanuelle Dehais
Interpreti: Noufou Ouedraogo, Roukieton Barry, SibidouOuédraogo, Hyppoly Wangrawa, Omar Coulibaly, ThiombianoIssaka
Nazionalità: Burkina Faso, 1991
Durata: 96'
Uno degli aspetti piacevoli di vedere un film di Ouédraogoè di immergersi in un mondo che è il linguaggio sereno delle sue opere. La lunghezza delle sequenze produce sorprendenti effetti di straniamento. È il primo passo verso una strada di sottile affabulazione. Il racconto ha il sapore di una fiaba, i personaggi hanno quasi un'aureola. Sono trasparenti, perfettamente limpidi. Limpido è il loro sguardo, cristallini i movimenti. I volti esprimono una scelta estetica radicale che permea tutto il visibile. Il ritmo ha uno stile un po' sonnambulo. Armonia dello sguardo, serenità del racconto, placidità delle immagini, fusione armoniosa del diegetico. Karim e Sala fanno pensare ai personaggi truffautiani. Sono magri come Jean Pierre Leaud, quindi leggeri; quando camminano sembra che sfiorino il terreno, quando spostano lo sguardo sembra che tutto il mondo che li circonda si muova con essi. Il loro sguardo diventa il nostro.I due protagonisti si muovono in un meccanismo di fatale incantamento. Ogni gesto è espressione di un sincero sentimento di gioia, di affetto per l'altro. E il mondo interoè in sintonia con Karim e Sala, sia che venga ritratto un contesto di città o di campagna. L'universo è sempre lo stesso, regolato dalle stesse coordinate, le anime dei personaggi, che sono pure i colori del cielo, ma anche la polvere delle strade, il verde delle campagne, perfino la prigione in cui Karim viene rinchiuso. NNV O1n1n ,!n.D=@N^"_PN (proc@Ej(nNV/  2F&2styl G!