NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Tre uomini e una pecora -A Few Best Men
Anno: 2011
Regista: Stephan Elliott;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: Australia; UK;
Data inserimento nel database: 22-02-2012


"Le storielle estive dovrebbero finire all'aeroporto non all'altare." La dogana aeroportuale dovrebbe essere lo spartiacque dell'amore vacanziero con la realtł quotidiana. Durante le vacanze s'incontrano persone diverse, opposte; difficilmente si corteggerebbero al di fuori del paradiso idilliaco di un'isola sperduta, con una spiaggia finissima e di un mare limpido. Le asimmetrie scompaiono sul bagnasciuga, durante i bagni, nelle feste, nelle romantiche passeggiate illuminate dalla luna piena. Gli scenari magici livellano le persone. Il ritorno alla cruda realtł della vita di tutti i giorni ridda la giusta dimensione naturale, scrollandosi tutti i rimasugli festaioli. David e Mia sono persone eterogenee, perś in vacanza s'innamorano e decidono di maritarsi. Dimenticavano una santa veritł: quando due esseri umani si sposano, si sposano anche le rispettive famiglie. Questo Ŕ il dramma comico di "Tre uomini e una pecora" del regista australiano Stephan Elliott. Elliott nel 1994 diresse l'umano "Priscilla, la regina del deserto", una novitł. Era un road movie en travesti attraverso le incontaminate e sperdute terre australiane. Un viaggio nella provincia e nelle calde passioni provocate da sensuali drag queen. Nel suo ultimo film ritorna in Australia, giocando sul contrasto fra David - londinese ed orfano -, e Mia, australiana con alle spalle un padre senatore e molta ricchezza. David Ć cresciuto solo, le sue persone pi¨ care sono tre amici, alquanto insoliti. Tom Ć un ragazzo rozzo, drogato, perennemente arrapato; Graham Ŕ un ipocondriaco pauroso e Luke soggetto da depressione suicida. Eppure per quanto insoluti, sono la sua famiglia: una disastrata famiglia. I consanguinei di Mia sono circondati da una sovrabbondante eleganza e ricchezza. L'esterioritł Ć perś finta, perchĆ dietro si nasconde uno scarso esempio di virtŁ. Se il matrimonio Ć "la collisione di due mondi", nella pellicola si trasforma in uno scontro brutale e senza prigionieri fra le due famiglie. E' un classico del cinema: il giorno piŁ indimenticabile della vita si deteriora per essere lo scenario ideale di un campo di battaglia cruento. Accade nello stupendo panorama australiano della casa dei Ramme, una bellissima prospettiva con alla fine uno strapiombo sul centro della terra. Simpatica Ŕ la trovata della pecora, utilizzata per alimentare i doppi sensi erotici e zoofili Perś a sconvolgere il matrimonio c'Ć la figura dello spacciatore, rozzo, violento, e omosessuale. Un delirante personaggio, talmente scompaginato da sembrare reale. ╚ lui a far tracimare l'evento. Il film Ć fomentato dal contrasto, gira intorno agli imprevisti, alle esagerazioni, ai contrattempi, soprattutto quelli bestiali con la dolce pecora Ramsy. Tutto il repertorio sessuale caratteristico del genere della commedia Ŕ esibito, sempre scommettendo sul tempo di presentazione dei vari episodi. Ci sono occasioni per divertirsi, c'Ć la possibilitł di studiare l'Australia, c'Ć la conferma che la politica Ŕ uguale in ogni parte del mondo: ôGioca a birilli con il parlamento australiano.ö Una citazione a merita Olivia Newton-John. Interpreta una moglie repressa; trova l'occasione di scarico nella dose industriale di cocaina inalata nelle sue narici. Il risultato Ŕ un ballo scatenato al suono della famigerata YMCA.