NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


L'âge d'or
Anno: 1930
Regista: Luis Bunuel;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Francia;
Data inserimento nel database: 28-12-2005


La grande guerra

L'âge d'or. Luis Bunuel. 1930. FRANCIA.

Attori: Gaston Modot, Lya Lys, Caridad de Labardesque, Pierre Prévert, Max Ernst, Germaine Noizet, José Llorens Artigas

Durata: 62’

 

 

Viene descritto il comportamento dello scorpione prima che punga un topo conducendolo alla morte. Su una spiaggia un bandito armato maiorchino vede un gruppo di alti prelati pregare. Poco dopo giunge ad una cascina dove ci sono altri combattenti come lui. Il gruppo, allarmato dall’arrivo di barche sulla costa, abbandona la cascina. Dalle barche scendono alti funzionari delle diverse autorità con rappresentanti della nobiltà. Sono giunti su quelle coste per mettere la prima pietra della futura Roma, ma a turbare la sacralità del gesto è una coppia scoperta ad amoreggiare e che viene divisa con la forza. Lui viene portato via da due uomini. Viene fondata la Roma imperiale che sostituisce al paganesimo la dottrina del Vaticano. Nel passaggio da un’età all’altra rimangono solo gli aspetti più pittoreschi. L’uomo della coppia è ancora accompagnato dai due uomini e di fronte ad una pubblicità immagina la sua donna. La stessa nel frattempo ha uno scambio con la madre prima di entrare nella propria camera per scacciare un’enorme vacca dal letto. L’uomo, stufo di essere portato in giro, mostra un documento ai due che dimostra a sua volta che egli è incaricato dal re a compiere una missione. Prima di allontanarsi in taxi dà un calcio a un cieco. Poco dopo si presenta, in compagnia di un vestito femminile, ad un sontuoso ricevimento dato dalla famiglia della donna. Durante questo ricevimento, un guardiacaccia ammazza suo figlio a colpi di fucile ed una cameriera muore per un’esplosione in cucina, senza però che tutto questo turbi la serenità degli invitati. La madre della donna gli offre da bere ma poiché sbadatamente lo macchia, lui la colpisce e viene costretto ad allontanarsi. Prima di uscire l’uomo riesce ad indicare il giardino alla donna e con le vi si apparta. Poco dopo anche gli ospiti vanno in giardino per ascoltare l’esecuzione di un’orchestra. La coppia prova ad amoreggiare ma viene ripetutamente interrotta fino all’arrivo del direttore d’orchestra che la donna bacia. L’uomo si chiude allora nella stanza da letto dalla quale finestra scaraventa via ogni cosa. Nell’inespugnabile castello di Selliny quattro uomini si rinchiudono per compiere delle orge. Il più discutibile di tutti è il Duca di Blangis, dalle sembianze di Gesù, che dopo essere rientrato nel castello con una donna ricompare senza barba mentre sulla croce si posano gli scalpi di altre donne.

L’amore e l’attrazione, in ogni tempo, osteggiati dall’autorità, e contro di essa. Linea sottile per un film che in realtà non ha una vera e propria storia ma che si compone di tante situazioni ricreate per gettare scandalo, ma soprattutto per verificare le capacità del cinema al servizio del movimento surrealista. L’age d’or infatti è un manifesto più riuscito (sonorizzato questa volta) del movimento capeggiato fra gli altri proprio da Luis Bunuel e Salvador Dalì, coppia che per questo progetto si è ancora riunita dopo l’esaltante esperimento breve de Un chien andalou (1929). Ancora una volta infatti sono presenti tutti gli elementi cari ad entrambi, carichi di significati sottesi e di deliranti situazioni grottesche (il calcio al barboncino e al cieco; l’omicidio del bambino; avversione contro la Chiesa) cui il movimento surrealista non ha mai rinunciato. Provocazione discorsiva, ecco cos’è L’age d’or, un insieme di paradossali immagini (il ricevimento con il carro; la vacca sul letto; gli scheletri dei prelati sulla scogliera) al servizio di una relazione amorosa osteggiata, simbolo del potere incombente che ha come origine la capitale della cultura cattolica, Roma. Non sono troppo celati i riferimenti al Marchese De Sade, nel finale quando si parla della torre e dei quattro aguzzini che praticano orge con donne ritenute “meno che mosche” (le stesse mosche che “vivono” sul viso di uno degli invitati) e tra i quali i due autori decidono di inserire proprio la figura sacra di Gesù. C’è in questo film la volontà di mostrare anche una sorta di autodistruzione della classe operaia ormai mossa e animata dallo stesso pessimismo che intanto cresce in quella borghese, ed una sorta di lusinga delle tendenze masochistiche [i] invece esclusiva della classe dirigente. Marx, De Sade e Freud sono dunque le principali chiavi di lettura ed interpretazione di questa pellicola (lotta e conflitto sociale; celebrazione degli istinti; realtà onirica e subcosciente). Più politico del precedente esordio dunque, il film diventa simbolo per intere generazioni di autori arrabbiati, spesso costretti ad usare il modello di Bunel e Dalì per dire cose che altrimenti sarebbero state difficili da far passare. Sono altresì presenti in L’age d’or tutti gli elementi cari al regista spagnolo: conflitto borghese, istinto della morte e dissacrazione dei valori. Fu infatti proprio per la potenza di questa pellicola a suscitare non solo scandali in Francia. Finanziato dal visconte Charles de Noailles (che rischiò per questo di essere scomunicato) fu proiettato per solo sei giorni allo Studio 28 di Parigi, immediatamente scelto come bersaglio di squadristi di destra (appartenenti alla Lega antiebraica ed alla Lega dei patrioti) che lo devastarono, distruggendo anche le opere di altri artisti lì esposte come quelle di Man Ray, Mirò, Salvador Dalì ed altri. Pochi giorni dopo il prefetto Chiappe lo vietò appoggiato dall’intera stampa nazionale francese e la pellicola fece ritorno nelle sale soltanto nel 1950 a New York e l’anno dopo a Parigi. Come lo definì Henry Miller, non fu pazzo Bunuel a realizzare questa pellicola, ma la società che egli descrisse in questo assurdo addentramento fra le strutture preconcette sulle quali la maggior parte delle figure autoritarie costruisce la propria posizione, consolidandola. Il film avrebbe dovuto chiamarsi Le acque gelide del calcolo egoista, parafrasando uno stralcio del Manifesto dei comunisti [ii]. Tale fu la portata di questo evento comunque che Breton e gli altri dedicarono un apposito Manifesto surrealista che rivendicava l’amore folle come unico atto di liberazione ed al tempo stesso di distruzioni della società borghese.

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com



[i] Jean Mitry. Storia del cinema sperimentale. Clueb

[ii] Georges Sadoul. Dizionario dei film. Sansoni editore