NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Crimes of the future
Anno: 1970
Regista: David Cronenberg;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Canada;
Data inserimento nel database: 27-09-2005


La grande guerra

Crimes of the future. David Cronenberg. 1970. CANADA.

Attori: Ronald Mlodzik, Tania Zolty, Jon Lidolt, Jack Messinger, Paul Mulholland, William Haslam

Durata: 72’

 

 

Il dermatologo Eugene Tripod racconta di se stesso, della clinica nella quale è stato impiegato, e nella realtà di una società ormai a rischio. Allievo del dottor Antoine Rouge nella Casa della Pelle, ucciso dallo stesso morbo da lui scoperto, egli vaga nelle diverse sezioni della clinica alla ricerca della sua memoria, per trovare un rimedio ad un’infezione che, per cause cosmetiche, ha condannato l’intero genere femminile. Nella sezione di Pediatria Oceanica egli instaura un rapporto attraverso i piedi con tre ragazzi, introdottisi o in fuga nella struttura e più tardi, nella sezione dell’Import/Export, ha a che fare con futuri manager ai quali somministra indumenti intimi da suddividere in bustine di plastica. Subentra a questo punto la figura del professor Tomkin, successore di Rouge, che dà vita alla cospirazione dei pedofili eterosessuali. Per risolvere la questione della riproduzione, egli, infatti, propone di ingravidare una bambina perché la malattia di Rouge si mostra nelle donne dopo la pubertà. Fra tre canditati ad ingravidare la bambina, dopo che il primo si è rifiutato, tocca a Tripod concludere l’esperimento. La bambina però mostra i segni della schiuma di Rouge. Una lacrima scende sul viso di Tripod.  

Pellicola dagli alti contenuti provocatori, capaci di smascherare il futuro prossimo dissoluto attraverso l’infrazione di tabù secolari a loro volta infranti dalla scienza e dal senso di sopravvivenza della specie umana. In sostanza tutti gli espedienti narrativi utilizzati nelle pellicole successive del regista canadese sono già presenti in questo secondo mediometraggio. Dal vampirismo legato alla diffusione epidemica del morbo, che colpisce Tripod nella prima parte della storia, e che è ripreso nelle sue due prime pellicole, Il demone sotto la pelle (1975) e Rabid – Sete di sangue (1976), al cancro creativo, ripreso sia in Brood – La covata malefica (1979) che in Videodrome (1983) con il rilancio della nuova carne ed alla comunicazione telepatica di Scanners (1981), dalla demonizzazione dell’ambiente clinico al finale che rilancia l’infezione avvenuta anche nel corpo più ingenuo, e la lacrima di sconfitta che accompagna il declino di un delirio genetico. La scienza ha il sopravvento sulla natura e sull’uomo che partecipa ad entrambe, e che rimane affascinato a sua volta dalla deriva della scienza nella natura. Proseguendo sul carattere “mentale” della condizione umana, ci sono già i temi di M. Butterfly (1993) sulla compensazione sessuale, e che si basa sull’approccio liberatorio del regista che considera il tabù dell’omosessualità una normale evoluzione dei costumi e del concetto di corpo umano. Il tema sarà sviluppato ampiamente anche ne Il pasto nudo (1991). Mancherà invece in tutti i suoi lavori successivi il richiamo al cinema espressionista con innesti del nuovo cinema underground di New York (uno dei ragazzi che si fa massaggiare i piedi ricorda in qualche maniera l’attore Joe Dalessandro dei film di Paul Morrisey). I riferimenti alla natura omosessuale del protagonista però sono indissolubilmente legati alla perdita della femminilità nel contesto sociale, il che è sinonimo soprattutto della fine stessa dell’umanità. Certo, vi sono forme di rinascita del corpo, come le redici che escono dal naso di un paziente, o le protuberanze che il cancro crea nel suo ex collega, ma senza l’innocenza del corpo femminile, il genere umano è comunque spacciato. La sconfitta e la vittoria dell’infezione diventa il dogma principale. Quello che Cronenberg racconta allora è una ritribalizzazione della società, indicandone la natura prettamente matriarcale la cui gestione però è affidata al maschio, incapace a sua volta di impedire la diffusione della malattia di Rouge. Il finale, agghiacciante nella sua rappresentazione, con un atto pedofilo in fieri interrotto dall’infezione del corpo angelico, ed il crollo d’ogni speranza: la conclusione di una cospirazione mossa da pedofili eterosessuali, in una delle sequenze più scioccanti del cinema proposto dallo stesso regista, con Tripod che si spoglia davanti ad una bambina (l’oggetto più sacro della società) pronto a possederla. Sembra una caccia la sua, disgustosa ma necessaria, e per questo motivo condannata a non sortire alcun effetto. Arrivati a questo punto, sembra voler dire il regista, non c’è spazio più per niente tranne che per una lacrima. A tutto il lavoro narrativo\visivo va aggiunto anche il grande lavoro sui suoni, assolutamente estranei al contesto visivo, che a tratti ricordano quello degli insetti (prima grande passione del regista) e paragonabili nel loro uso\significato a quelli off utilizzati più avanti in Eraserhead – La mente che cancella (1977) di David Lynch. La figura del medico vestito di rosso sabbatico sarà ripresa più in là anche in Inseparabili (1988).

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com