NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Riti, magie nere e segrete orge nel Trecento
Anno: 1973
Regista: Renato Polselli (Ralph Brown);
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 25-04-2005


La grande guerra

Riti, magie nere e segrete orge nel Trecento. Renato Polselli (Ralph Brown). 1973. ITALIA.

Attori: Mickey Hargitay, Rita Calderoni, Raoul, Tano Cimarosa, Krista Barrymore, Consolata Moschera, William Darni

Durata: 100’

 

 

Ennesimo passaggio per Renato Polselli nel cinema erotico, questa volta con rimandi all’horror vampiresco di lontana memoria. Riti, magie nere e segrete orge nel Trecento parla infatti di una setta di vampiri in attesa di trovare la giusta donna in grado di dare nuova vita alla dea mortale uccisa seicento anni prima. Approfittando di una festa di gala infatti, la setta mette in scena persecuzioni e omicidi fino però alla loro stessa distruzione. Un classico del genere insomma, psichedelico in alcuni punti e ridicolo in molti anni (la maggior parte delle luci è tutta sballata) e girato interamente nel Castello di Balsorano a L’Aquila. Trattandosi di una setta di vampiri sottomessi ad una dea, qualche riferimento alla figura di Carmilla, la vampiressa descritta nelle pagine di Le Fanu, poteva anche essere fatto, ma probabilmente è al cinema di Las vampiras (1970) di Jesus Franco che Polselli guarda, o alle mitiche pellicole di Roger Corman o Mario Bava, senza purtroppo raggiungerne mai i livelli. Inserendo elementi comici e pruriginosi (la ragazza ossessionata dal sesso) il regista prova a sfuggire alla censura, già molto attiva nello stesso anno nel massacrare il suo Oscenità (1973), uscito in sala solo sei anni dopo. Ieri come oggi, oggi come domani… sempre.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com