NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Il cacciatore di squali
Anno: 1979
Regista: Enzo Girolami Castellari;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 14-04-2005


Il cacciatore di squali

Il cacciatore di squali.  Enzo Girolami Castellari. 1979. ITALIA.

Attori: Franco Nero, Werner Pochat, Mark Forrest, Mirta Millar, Jorge Like, Enio Girolami

Durata: 95’

 

 

Solitamente mi dilungo anche un po’ su alcune pellicole pensate, prodotte e stampate per il secondo circuito cinematografico, considerando il primo quello cosiddetto di serie A... ma per Il cacciatore di squali non riesco proprio a trovare parole (perdere tempo)…  salverei solamente Franco Nero, perché è davvero stracult il look scelto per l’occasione, un misto tra eremita e hippy dei Caraibi, e soprattutto l’inizio del film, costruito in maniera perfetta ma assolutamente ridicolizzato sia da Franco Nero, per l’appunto, che dal soggetto stesso del film. Sì perché non c’è mai un vero pretesto per quello che alla fine è uno scanna squali, un silenzioso e solitario cacciatore che ingaggia lotte corpo a corpo con i re degli oceani. C’è addirittura un’aggressione ad uno squalo fatta da un paracadute! Oltre il fumetto, oltre il credibile (ma già Franco Nero non è credibile con i capelli lunghi), oltre ogni eccesso di storie senza fondo mai apparse sullo schermo, Il cacciatore di squali rincorre il successo de Lo squalo (1975) di Steven Spielberg cercando di sottrarre ed aggiungere varianti che in realtà non servono altro che a raggiungere la fine del film. Se non fosse che sento di dover segnalare le buone musiche di Guido e Maurizio De Angelis (altra cosa da salvare del film), probabilmente non avrei proprio nient’altro da dire… Stranamente il film funzionò benissimo e fu bloccato in America dalla casa di produzione Universal con l’accusa di plagio [i]. Rimane uno dei passi falsi del regista, l’ennesimo dell’attore.

 

 

                                                                                                                      Bucci Mario

                                                                                                          videodrome76@hotmail.com



[i] Marco Giusti. Dizionario dei film italiani Stracult. Sperling & Kupfer.