NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


The hole - After the hole - Secluded empty space
Anno: 2001
Regista: Nick Hamm;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Gran Bretagna;
Data inserimento nel database: 30-11-2004


La grande guerra

The hole.  Nick Hamm. 2001. G.B.

Attori: Thora Birch, Keira Knightley, Desmond Harrington, Laurence Fox

Durata: 102’

Titolo originale: After the Hole aka Secluded empty space

 

Nick Hamm, il regista che ha esordito con Martha da legare (1998), prova a salire i gradini dell’adolescenza ripresentandosi ad un pubblico leggermente più maturo con questo thriller anonimo ed addormentato.La trama, molto semplice, vuole che quattro studenti di un esclusivo college, per evitare una noiosa gita di tre giorni in Galles, si rinchiudano in un vecchio bunker dimenticato e seppellito sotto una foresta. Una volta passato il week-end dovrebbero uscire e tornare al college, ma le cose si mettono diversamente da come avevano programmato.

Il film gioca (e sopravvive) grazie ad un buon montaggio che cerca di svelare lentamente la trama (e certo non poteva essere solo questa la storia) attraverso gli ormai abusati trucchi del flash back, delle bugie e delle smentite (non si possono più chiamare colpi di scena). Thora Birch, la neo reginetta del thriller, ha solo i colori adatti al ruolo della protagonista mentre Desmond Harringhton impressiona in alcune inquadrature per la sua somiglianza con il giovane Tom Cruise e più precisamente con quello ribelle di Risky business (1983) di Paul Brickman. Il resto del film è appunto un grosso buco, più che riempito svuotato da un lavoro frettoloso e privo di spessore emotivo. Le musiche (poco) originali si rifanno alle arie sonore dei film di genere dei primi anni 80 e comunque non sono supportate (in questo caso pensarla all’opposto è quasi necessario) dal ritmo del film, anche lui caduto in questo buco cinematografico. Anche l’idea non è originale, il film è tratto dalla novella After the hole di Guy Burt ed i minuti più belli sono quelli che portano fino al titolo.

 

                                                                                                         

                        Bucci Mario

                                                                                                              videodrome76@hotmail.com