NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


L'uomo senza sonno - The machinist
Anno: 2004
Regista: Brad Anderson;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Spagna;
Data inserimento nel database: 26-11-2004


La grande guerra

L’uomo senza sonno.  Brad Anderson. 2004. SPAGNA.

Attori: Christian Bale, Jennifer Jason Leigh, Aitana Sànchez Gijòn, Michael Ironside,Craig Stevenson

Durata: 90’

Titolo originale: The machinist

 

 

Trevor Reznik tenta di buttare a mare un tappeto nel quale è avvolto un cadavere. Un faro lo illumina ed una voce di uomo gli domanda chi è? Da quel momento in poi Trevor scava nella sua memoria e cerca di capire perché da quasi un anno non riesce a prendere sonno. Uno strano figuro, grosso, con gli occhiali da sole e vestito con una giacca di pelle nera sembra ossessionarlo, anche sul posto di lavoro, in una fabbrica, dove Trevor si rende causa di un incidente ad un collega. Anche la relazione abituale con una prostituta sembra sfuggirgli di mano, perché secondo lui sono tutti d’accordo, sono tutti complici di un complotto che lo vuole far impazzire. Ogni giorno però, Trevor si rifugia e si rilassa in un bar dell’aeroporto dove ad ascoltarla c’è sempre la solita barista. Un giorno Trevor riesce anche ad uscire con lei, accompagnando il figlio di quella al luna park, dove il piccolo purtroppo è colto da un attacco epilettico all’uscita del tunnel dell’orrore. Tutto va storto nella vita di Trevor e tutto contribuisce a non farlo dormire e lo riduce ad un mucchio d’ossa. Trevor è esausto, distrutto e consumato. È nervoso, ma quando si accorge che nel tappeto che stava srotolando non c’è niente capisce che non può più nascondere il rimorso che non lo fa dormire da un anno. È un pirata della strada Trevor, ed ha finalmente deciso di consegnarsi alla polizia.

Davvero singolare il lavoro di questo regista. Stampato in quasi-seppia, il film affronta molto bene il tema della colpa e del rimorso scavando, è proprio il termine giusto, nel dolore e nella frustrazione di un protagonista (il Christian Bale di American psycho (2000) di Mary Harron) incredibilmente in parte, forse un po’ troppo sulla scia di Ralph Fiennes in Spider (2002) di David Cronenberg, ma comunque molto efficace e soprattutto tetro e credibile. Trevor è un criminale, ha investito un bambino involontariamente, e non si è fermato a prestargli soccorso. Da un anno dunque è un pirata della strada, perché è fuggito dopo l’incidente. Ha scelto la fuga di fronte al destino, e vive con il rimorso (l’uomo nero che lo segue) di avere una vittima sulla coscienza. Perché non è capace di accettare le cose come il destino le ha messe, Trevor rinuncia a se stesso, a come era prima, simpatico con i compagni, gentile con le donne, professionale sul lavoro. Trevor è condotto dalla sua irresponsabile paura alla follia. Raggiunto il delirio, il ragazzo prova l’ultimo gesto, disperato, di uccidere il senso di colpa (il cadavere che vorrebbe far sparire) ma si sa, il senso di colpa muore solo con il colpevole. Per quasi tutta la prima parte della pellicola, è molto interessante anche vedere come il regista abbia ben ricreato una situazione già di per se frustrante come l’officina, per partire già da un contesto di per se difficile e che altro non fa che buttare sempre più giù nel fosso il personaggio di Trevor. Interessante il montaggio, anche se derivativo di uno stile confusionale alla Memento (2000) di Christopher Nolan, un po’ scontato almeno nella scelta di partire con la fine, ma alla fine efficace a dare allo spettatore diverse possibilità (tutte false) di soluzione. The machinist, questo il titolo originale, è un verme tipicamente kafkiano, intriso di pessimismo alla Dostoevskij, destinato all’ammissione della propria colpa attraverso un percorso tutto interiore. C’è molto di Roman Polanski in questo film e anche tanto di Alfred Hitchcock, in questo accanimento sul protagonista, in questo piegarlo agli eventi. Visto da un’altra angolatura, il film è un perfetto allegato per una lezione civica: fumare fa male, tanto meno in macchina dove la prima distrazione può causarti un maledetto ed insopportabile senso di colpa. Il film comunque rimane, anche alla luce di questa banale esemplificazione, interessante e meno scontato di quanto possa sembrare.

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com