NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Casco d’oro - Casque d'or
Anno: 1952
Regista: Jacques Becker;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Francia;
Data inserimento nel database: 12-11-2004


La grande guerra

Casco d’oro. Jacques Becker. 1952. FRANCIA.

Attori: Simone Signoret, Serge Reggiani, Claude Dauphin, Gaston Modot, Raymond Bussières, Dominique Davray.

Durata: 96’

Titolo originale: Casque d'or

 

 

1898. Belleville. Francia. Il falegname Georges Manda incontra, grazie all’amico Raymond, la bella prostituta Maria, conosciuta da tutti anche con il soprannome casco d’oro, affibbiatole per la sua folta ed affascinante capigliatura bionda. I due si amano, ma devono fare i conti con la realtà di borgata e delinquente dalla quale sono circondati. Raymond, infatti, fa parte di una banda di balordi capeggiata dal cattivo Leca il quale, poiché attratto anche lui da Maria, mette i due amici contro il protettore di lei, Roland. Dopo averlo ucciso in una rissa, Georges si dà alla fuga e decide di vivere con Maria. Leca allora decide di informare la polizia sull’omicidio e fa arrestare Raymond. Venuto a conoscenza dell’arresto dell’amico, Georges si costituisce assumendosi le colpe dell’omicidio ed entrambi sono mandati in carcere. Maria chiede aiuto proprio a Leca il quale, dopo averla posseduta, si rifiuta. La donna, testarda, riesce a far scappare Georges e Raymond prima che siano rinchiusi in prigione, ma durante la fuga Raymond è ucciso. Deciso a vendicare la morte dell’amico, Manda raggiunge Leca al commissariato di polizia e lo uccide. Pochi giorni dopo il falegname è condannato a morte e giustiziato, davanti agli occhi di Maria, con la ghigliottina.

Considerato dalla maggior parte della critica come forse il miglior film del regista francese, Casco d’oro è un melodramma d’influenza letteraria (ma ispirato ad un fatto di cronaca) che come pochi rispetta il genere senza dare scampo ai protagonisti. Sincero nella sua rappresentazione realistica (vedasi per esempio il rifugio in campagna dove la coppia si nasconde), fotografato con un bianco e nero affascinante (di Robert La Febvre) tendente a risaltare volti e costumi, il film si distingue nel panorama cinematografico mondiale per quella passione ed insieme di sentimenti che lo caratterizzano: amore e morte s’incontrano tra gelosie e vigliaccherie tipiche della difficile vita di strada, ed alle quali due personaggi d’anarchica memoria, Georges e Raymond, sembrano rispondere con lealtà e pura amicizia. E sono proprio i personaggi, ognuno portatore di un’ideale o di una caratteristica dell’aspetto umano, a colpire lo spettatore più della storia in quanto tale: meravigliosa, infatti, è Simone Signoret che, in tempi di gollismo, consegna alla figura della prostituta Maria una dignità ed una carica sensuale che poche altre attrici sono riuscite a raggiungere, così come è ottima l’interpretazione anche degli altri attori, tutti in stato di grazia, almeno quanto il regista. Analizzato nell’ambiente storico nel quale fu prodotto (primi anni cinquanta), il film ha maggiore valore se sono presi in considerazioni gli obiettivi principali che si era posto e tra i quali, soprattutto, la voglia di screditare una rappresentazione della Francia nazionalista che era facilmente esportata come belle epoque, lontana quindi dalle tragedie della guerra e dal collaborazionismo della repubblica di Vichy. Caposaldo del cinema, ad ogni modo.

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com