NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Nude per l’assassino
Anno: 1975
Regista: Andrea Bianchi;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 12-11-2004


La grande guerra

Nude per l’assassino. Andrea Bianchi. 1975. ITALIA.

Attori: Edwige Fenech, Nino Castelnuovo, Femi Benussi, Solvi Stubing, Franco Diogene, Amanda (Giuliana Cecchini)

Durata: 97’

 

 

L’atelier Albatros è preso di mira da un assassino. Una ad una miete le sue vittime a colpi di coltello, riuscendo a tenere nascosto il viso con un casco da motociclista. Giovani fotomodelle, fotografi e proprietari dello studio muoiono mentre Carlo Gunter, un fotografo dongiovanni che lavora presso l’atelier, e la sua assistente Magda Cortis, s’improvvisano detectives. Sarà proprio Carl a porre fine alla scia di delitti fermando la sorella di una giovane modella, legata all’agenzia Albatros, impazzita dopo la sua morte avvenuta a causa di complicazioni durante un aborto.

Sceneggiatura discreta, con qualche ovvio buco qua e là, con un grande inizio in sala ginecologica ma con un pretesto ambiguo (forse ridicolo) come l’aborto. Andrea Bianchi, un regista che solitamente i maggiori dizionari del cinema italiano ignorano, dirige questa volta un film, del quale ha scritto anche il soggetto, che ancora oggi si lascia vedere senza troppo annoiare nonostante qualche nudo di troppo ed un finale impensabile (e quindi improponibile). Colpi di scena telefonati che ricalcano l’atmosfera alla Dario Argento, senza però mai coglierne la forza. Se c’è qualcosa veramente da salvare in questo film è l’ambiente torbido che ogni tanto emerge del mondo della moda, fatto di scambi, padronanze sessuali, ricatti e smania di arrivare. Qualche spunto sicuramente è di lontana origine come Sei donne per l’assassino (1964) di Mario Bava, al quale anche il titolo sembra rimandare, ma soprattutto l’ambientazione in un atelier. Ultimo thriller erotico per l’attrice Edwige Fenech, prossima ormai a passare definitivamente alla commedia sexy (la scena conclusiva, a questo proposito, è più che sincera: Carlo si offre di sodomizzare Magda per evitare che rimanga incinta (?!)).   

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com