NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Paura nella città dei morti viventi
Anno: 1980
Regista: Lucio Fulci;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 13-07-2004


La grande guerra

Paura nella città dei morti viventi. Lucio Fulci. 1980. ITALIA.

Attori: Christopher George, Katherine MacColl, Carlo De Mejo, Antonella Interlenghi, Janet Agren, Giovanni Lombardo Radice

Durata: 91’

 

 

USA. Cimitero di Dunwich. Un prete, padre Thomas, si aggira fra le tombe. S’impicca ad un albero vicino ad una lapide sulla quale è inciso: L’anima che anela all’eternità deve sottrarsi al giogo della morte. Tu, o viandante, alle soglie delle tenebre, vieni. Nello stesso momento a New York si tiene una seduta spiritica ed una medium posseduta, la giovane Emily Robbins, muore vedendo ciò che sta accadendo in quel cimitero. Alla morte della ragazza s’interessa un giornalista che, recatosi presso il cimitero dove la donna è stata appena seppellita, si accorge che questa in realtà è ancora viva. Nella cittadina di Dunwich intanto, costruita sulle rovine della città delle streghe, Salem, si manifestano strane morti del quale il primo sospettato è Bob, un ragazzo con patologie sessuali. Si crede che sia egli l’assassino ma in realtà sono i morti che, grazie al suicidio di padre Thomas, secondo una formula sabbatica, stanno tornando in vita seminando il panico fra i cittadini. Giorno in cui questi saranno tutti sulla terra è il giorno di Ognissanti. Il giornalista, accompagnato dalla medium, affronta il caso con un’altra coppia, composta da Gerry, uno psichiatra, e da Sandra, sua paziente, entrambi di Dunwich. Dopo la morte di Sandra, i tre entrano nella tomba del prete, collegata dall’altra parte con un santuario sotterraneo. Il giornalista rimane vittima dfell’aggrassiione di alcuni zombie, ma lo psichiatra, uccidendo il fantasma del prete con una croce di legno, libera la città di Dunwich dal suo tetro destino.

Una delle pellicole più raccapriccianti del maestro dello splatter made in Italy, animata da effetti gore e trovate visionarie che tanto hanno contribuito ad elevare pellicola e regista a livello di cult (la scena della sepoltura per esempio, d’ispirazione alla Poe, è stata recentemente omaggiata in Kill Bill vol. 2 (2004) di Quentin Tarantino). Gli zombie di Fulci, dopo la fortunata esperienza di Zombi 2 (1979) questa volta sono per metà non morti e per metà fantasmi, capaci cioè di attraversare le pareti, apparire all’improvviso e uccidere a distanza, caratteristica isolata nel panorama italian B movies. Carrelli e panoramiche circolari, dall’alto, movimenti della m.d.p. che alludono al grande cinema, sorreggono un cast di basso livello e partecipazione, il tutto condito da vermi ed interiora, topi che mangiano cervelli e sangue a gogo. Girato per metà negli Stati Uniti (dove questo regista è sempre stato apprezzato di cuore), a Savannah in Georgia.  La scena del vento di larve che sommerge l’intero appartamento (geniale!) sembra alludere ad un’altra storica immagine del cinema horror italiano, quella di Suspiria (1977) di Dario Argento, in cui le ragazze sono sommerse da una pioggia di larve. La morte di una coppia mentre amoreggia, causata dallo sguardo di padre Thomas che provoca sangue dagli occhi della ragazza, è il momento più alto dell’intera pellicola, senza però trascurare la morte di Bob con il trapano che gli perfora la testa. L’idea del cervello, così in evidenza e di tale grigia consistenza, sembra aver influenzato un’altra grande pellicola cerebral underground, l’australiano Fuori di testa (1987) di Peter Jackson. Tra i crediti dei titoli di testa, la partecipazione di Michele Soavi (morto con la testa spappolata), mentre il regista fa una piccola appariziopne nei panni del dottor Joe Thompson. La frase di lancio della pellicola fu “… e pertanto sconsiglio la visione del film a soggetti sofferenti di scompensi cardio-circolatori: le forti emozioni che si provano durante la visione potrebbero causare danni anche notevoli a carico dell’intero sistema vascolare – prof. Sven Cusak, primario III clinica cardiologia[i].

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com



[i] Marco Giusti. Dizionario dei film italiani stracult. Baldini & Castoldi.