NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


La maschera del demonio
Anno: 1960
Regista: Mario Bava;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 13-07-2004


La grande guerra

La maschera del demonio. Mario Bava. 1960. ITALIA.

Attori: Barbara Steele, John Richardson, Ivo Garrani, Andrea Checchi, Arturo Dominici, Clara Bindi

Durata: 85’

 

 

Moldavia. XVII secolo. L’Inquisizione dà la caccia ad alcuni vampiri dei quali è accusata di far parte anche la principessa Asa, della stirpe dei principi Wajda. La pratica vuole che questa sia prima marchiata a fuoco con il simbolo di Satana e poi che le venga coperto il volto con la maschera del demonio, un oggetto pieno di chiodi che si applica al volto dei condannati. La strega muore maledicendo la stirpe. Due secoli dopo, una coppia di medici diretta a Mosca passa per il bosco dove la strega è stata seppellita. Un incidente alla carrozza li blocca sulla strada ed i due medici ne approfittano per visitare la cappella dove quella si trova. Il dottor Choma Kruvajan, aggredito da un pipistrello, nel tentativo di ucciderlo infrange il vetro della lapide e, raccogliendo un’icona che riporta l’immagine della donna, si taglia. Il sangue cola sul volto della strega e la fa tornare in vita. Poco fuori dalla vecchia chiesa incontrano Katia, la figlia dell’attuale principe della stirpe Wajda, copia perfetta della strega uccisa dall’Inquisizione. Il medico, assieme all’assistente Gorobec, sosta in paese la notte. Nel castello dei Wajda intanto, alcuni episodi suggestionano sia Katia che suo padre circa la presenza di un’incombente maledizione sulla loro famiglia. Quella stessa notte la strega Asa riesce a riportare in vita l’uomo condannato assieme a lei due secoli prima. La sua apparizione sconvolge il padre di Katia tanto da chiedere l’intervento del dottor Kruvajan. A prenderlo dal paese però non è il cocchiere di corte ma l’uomo della strega che, conducendolo sulla tomba di Asa, lo rende schiavo di questa. Il medico si presenta così a corte e, dopo aver visitato il padre di Katia ed aver chiesto di togliere il crocifisso per evitare altre suggestioni, trascorre la notte ospite del castello. La mattina dopo è rinvenuto il corpo sfigurato del padre di Katia ed il cadavere del cocchiere in riva al fiume. E’ chiamato in causa anche Gorobec il quale, dopo aver ritrovato Kruvaian che era sparito, nota lo strano atteggiamento del medico. Si rivolge allora ad un prete, facendogli decifrare l’icona trovata nella tomba, mentre a corte continuano le morti sospette. Grazie al prete scopre della maledizione e delle intenzioni della strega di voler tornare in vita attraverso il sangue della principessa Katia. L’unico modo di uccidere quelli posseduti dalla strega è di schiacciare loro il bulbo oculare sinistro. Scoperto un passaggio segreto a corte, che dà accesso alla cappella dove è seppellita la strega, Gorobec riesce a spingere le masse popolari, atterrite per quanto stava accadendo, a dare la caccia alla vera strega. Messa ancora una volta a fuoco, la maledizione termina. 

Esordio alla regia per il direttore della fotografia Mario Bava e consacrazione immediata nel genere horror. Prendendo spunto dal racconto ucraino Il Vij di Nikolaj Gogol, il regista firma un cult internazionale che, grazie alle sue ottime idee, permette anche all’attrice Barbara Steele di guadagnare il posto di regina del genere nel panorama cinematografico internazionale. È proprio la figura della strega, infatti, vampiressa che torna per compiere la sua vendetta, l’oggetto principale di questo racconto. In una società che si esprime attraverso il fratricidio, la maledizione di una donna condannata a morte da suo fratello. Il ripudio della fratellanza, dei vincoli di sangue, si trasforma in sangue avvelenato che torna a pulsare dopo due secoli. Questo incubo di Bava, surreale fino al punto d’inserire un’impiccagione in un’epidemia di vampiri, mette insieme Inquisizione e vampirismo, con un accenno latente alla figura dei non morti (zombi). “Il suo delirante, espressivo stile visivo eleva il genere horror a un livello più alto” (Martin Scorsese) [i]. Geniale la soggettiva della strega alla quale viene applicata la maschera di ferro, lo spettatore punto in viso. La maschera del demonio può essere accostato ad un lavoro immediatamente successivo, di produzione americana e sul qual mercato il film di Bava aveva vinto: La città dei mostri (1963) di Roger Corman, pellicola che inizia con l’esecuzione di un rogo e termina sullo stesso episodio. Non è però questo il solo punto in comune fra i due lavori, quanto lo stile adottato da entrambi i registi nell’elaborazione delle immagini, il tema del quadro come alter ego e quello della vendetta. A riguardo c’è da dire che però Bava spinge molto di più sugli effetti speciali (bulbi oculari che si riformano, resurrezioni dall’oltretomba, ustioni) e il risultato ottenuto è superiore ed antecedente.  Ne è stata fatta un’edizione per la televisione dal figlio del regista, La maschera del demonio (1990) di Lamberto Bava.

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com



[i] Marco Giusti. Dizionario dei film italiani Stracult. Sperling & Kupfer Editori