NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Cuore selvaggio - Wild at heart
Anno: 1990
Regista: David Lynch;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 01-04-2004


La grande guerra

Cuore selvaggio. David Lynch. 1990. USA.

Attori: Nicolas Cage, Laura Dern, Willem Dafoe, Isabella Rossellini, Harry Dean Stanton, Crispin Glover, John Lurie, Jack Nance, Sherilyn Fenn, Sheryl Lee, Diane Ladd.

Durata: 127 min.

Titolo originale: Wild at heart

 

 

Cape Fear. Da qualche parte sul confine tra il North ed il South Carolina, Sailor Ripley uccide un uomo di colore incaricato di accoltellarlo da Marietta, madre di Lula, fidanzata di Sailor. Colpevole d’omicidio, Sailor finisce in carcere. Ventidue mesi dopo lui e Lula sono di nuovo insieme. Marietta, che non vuole che Lula frequenti il ragazzo, chiede all’investigatore ed amante Johnnie Farragut di trovare dove i ragazzi si nascondono. Entrambi hanno deciso di violare la libertà vigilata di Sailor per andare a New Orleans. Johnnie è sulle loro tracce ma Marietta si rivolge ugualmente al suo amante ufficiale, Marcelo Santos, che decide di aiutarla in cambio dell’uccisione anche di Johnnie. Santos si rivolge a Mr. Reideer, un ricco anziano il quale fa arrivare due monete d’argento nella sperduta casa delle due bionde Perdita Durango e Juana, la zoppa. Marietta nel frattempo, si pente di quanto chiesto a Santos ma l’uomo dice che non si può tornare indietro e così la donna raggiunge Johnnie a New Orleans. Quella notte Sailor, una volta autista di Marcelo Santos, rivela a Lula di aver assistito all’omicidio di suo padre per mano di Santos e della madre Marietta. Sulla strada, trovano un incidente d’auto e la ragazza coinvolta muore sotto i loro occhi. In albergo, Johnnie viene rapito nella sua stanza mentre la madre di Lula lo attende invano nella hall. Sopraggiunge Marcelo che la porta via dicendole di aver individuato sua figlia e Sailor in Texas, dove, in effetti, la coppia si è postata. Johnnie viene giustiziato dagli scagnozzi della folle ed eccitata Juana. A Big Tune, in Texas, Sailor passa a casa di Perdita Durango, sua ex fiamma, per chiederle se è stato stipulato un contratto contro di lui da parte di Marcelo Santos o di Marietta, ma quella dice di non sapere nulla. La sera, nel motel dove hanno una stanza, Sailor e Luna conoscono Bobby Peru e più tardi, soli in camera, Lula confessa a Sailor di aspettare un figlio. La mattina dopo Bobby Peru, approfittando del fatto che Sailor è fuori, s’intrufola con una scusa nella stanza e mette le mani addosso a Lula, poi raggiunge il ragazzo e gli propone una rapina. Sailor accetta, contro i consigli di Lula. La mattina dopo Perdita e Bobby vanno a prendere Sailor all’appuntamento per la rapina, ma quando hanno preso i soldi, Bobby prima spara ai commessi e poi cerca di uccidere Sailor. L’intervento di un poliziotto manda all’aria il colpo. Bobby Peru viene ucciso e Sailor arrestato. Dopo sei anni, Lula ed il figlio cresciuto vanno alla stazione a prendere Sailor appena uscito dal carcere. L’uomo decide di non continuare la storia con Lula e si allontana. Viene aggredito da una banda del ghetto e mentre è svenuto in terra, gli appare la Fata Buona che gli consiglia di seguire l’amore. Sailor torna indietro da Lula.

Cuore Selvaggio, quinto lungometraggio ufficiale di David Lynch, è un film ambiguo che, a differenza delle altre pellicole del regista, può vantare almeno il fatto di avere una trama più comprensibile (è ispirato, infatti, al romanzo Wild at Heart. The story of Sailor and Lula di Barry Gifford, sceneggiato dallo stesso David Lynch). Strutturato sul tema del doppio, sul quale il regista s’è impegnato rendendo ciò che era luminoso un po’ più luminoso e ciò che era buio un po’ più buio [1], il film può essere diviso anche in due tronconi: una prima parte che ha una narrazione concreta ma che subisce forzature eccentriche, ed una seconda parte che si schiude sull’onirico e che ha una sua giusta estetica corrispondente. Mischiando i vari generi, sulla struttura portante di un film on the road, tra il noir ed il grottesco-comico, tra compiacimento del pulp ed il gore (la testa di Willem Dafoe che salta in aria; l’incidente sulla strada), Lynch racconta una folle storia d’amore e sesso catartico ai limiti della fiaba (e quindi nell’incubo di un mondo cattivo senza pietà che racchiude in sé un cuore selvaggio…) in cui però nemmeno i colpi di tacco delle scarpette rosse sembrano riuscire a cambiare gli eventi. Con uno sguardo al fumetto (che guarda a sua volta alla fiaba del Mago di Oz) dal quale prende la capacità di esaltare i dettagli grotteschi (le pose di Lula, impegnata per l’intera pellicola a sorreggere i capelli con la mano; la giacca di pelle di serpente che dà identità al personaggio di Nicolas Cage; tutta la serie di personaggi la sera al motel di Big Tune), Lynch guarda al sud degli Stati uniti come ad una grande illusione alla quale partecipano due ingenui idioti, ad un ballo fra grasse ciccione da dove può sbucare da un momento all’altro Bobby Peru (con il viso di W. Dafoe), un rapinatore che tutti rispettano perché ci tiene ad essere considerato il più folle di tutti gli altri. Difficile da accettare nel suo complesso, la magia di questa pellicola forse è proprio nella capacità che ha questo regista nel raccontare storie che sembrano svolgersi, come dimostra anche con Cuore selvaggio, tra gli anni cinquanta ed il duemila [2], attraverso cioè continui salti temporali (flashback) o di genere (musiche e costumi). Il finale, l’happy ending non previsto nel romanzo, potrebbe lasciare qualcuno deluso (pur accettandone la voluta comicità), ma non lasciò delusa la giuria che gli conferì la Palma d’oro al Festival di Cannes (B.Bertolucci presidente), una delle più sconsideratamente assegnate [3]. Un’altra scena non prevista nel romanzo è quella del macabro climax sessuale che coinvolge Juana nell’esecuzione di Johnnie Farragut e che sembra ispirata invece ad un altro film dello stesso regista, Velluto Blu (1986), alla scena in cui il giovane Jeffrey (Kyle MacLachlan) è pestato dalla banda del perfido Frank (Dennis Hopper). Anche la scelta di esaltare il dettaglio del fuoco che accende le sigarette come fotogramma funzionale al montaggio, sembra riprendere l’idea della candela sulla quale soffia il vento, utilizzata sempre in Velluto blu (1986). Infine, il personaggio di Johnny Farragut, nel romanzo a differenza che nel film, è decisamente più presente, dipinto come un malinconico sognatore che vorrebbe diventare uno scrittore, e che non muore, anzi, è lui che va a prendere Lula con Marietta e non Marcelo Santos (nel romanzo l’autore si svaga inserendo alcune brevi storie scritte da Farragut). David Lynch si è divertito dunque a mischiare le carte, creando un legame tra Perdita Durango e Sailor, tra Marcelo e Marietta ed ha inserito la storia dell’incidente sul percorso dei ragazzi (tutte cose che nel romanzo non sono nemmeno accennate). Diane Ladd e Laura Dern, rispettivamente Marietta e Lula, sono davvero madre e figlia. Colonna sonora composta da Angelo Badalamenti, già collaboratore del regista in alcune pellicole precedenti. La pellicola costò nove milioni di dollari.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com



[1] R.Caccia – David Lynch – Il castoro cinema

[2] E.Ghezzi – Paura e desiderio – Bompiani

[3] I.Bignardi – Il declino dell’impero americano – Feltrinelli