NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Lo specchio - Zerkalo
Anno: 1974
Regista: Andrei Tarkovskij;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Russia;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

Lo specchio. Andrei Tarkovskij. 1974. RUSSIA.

Attori: Margarita Terechova, Jurij Nazarev, Ivan Danilcev, Anatol Solocinyn, Alla Demidova, Nikolaj Grin'ko

Durata: 105'

Titolo originale: Zerkalo

 

 

Jurij, voce (e campo), separato dalla moglie si lascia andare ad un insieme di ricordi che abbracciano soprattutto la sua infanzia e la figura del padre che abbandonò anch’egli sua moglie quando lui era ancora un bambino. Lo specchio cui fa riferimento il titolo, altro non è che un pretesto dell’immagine che questo riflette. Jurij come suo padre, la madre come la moglie (interpretate dalla stessa Margarita Terechova) la campagna come la città, l’Unione Sovietica come la stessa Unione Sovietica. Analisi dei ricordi, biografia del mondo im-personale. Potrebbe essere un film sulla madre, e quindi sulle madri, (compresa la patria), sul loro sguardo, sul loro corpo, sulle loro lacrime, dove tutto è infanzia e presente. I testi poetici narrati (nella traduzione italiana sono decantati da Romolo Valli) sono stati composti da Arsenij Tarkovskijj, padre del regista, alle quali parole Andreij associa le sue personalissime riflessioni visive. Sofisticato e difficile, un film d’intensa poeticità, senza dubbio al limite dell’onirico (stupenda la prima sequenza della pioggia in casa, quasi valesse l’intero lavoro) nel quale labirinto s’inseriscono immagini documentaristiche, di repertorio, che impressionano una Russia in perenne guerra. Riflessi e riflessioni, sembra non mantenere nessun nesso con la logica, in direzione invece della poesia. La pellicola incontrò non pochi problemi alla sua uscita perché di difficile comprensione per le masse a causa del suo linguaggio così artefatto. Fu anche criticato all’estero, senza riscuotere eccessivo successo, anche se tutto ciò era già nelle intenzioni del regista che attraverso la voce narrante, mette in chiaro la sua scelta “Scopo del poeta è suscitare emozioni nell’animo, non radunare ammiratori”. Se questo era il sincero intento di base, allora siamo in presenza di un lavoro pienamente riuscito. Fotografia eccellente, metafisica; uso della cinepresa raffinato, lento e continuo come se fosse un costante carrello che si addentra nei boschi e cammina per le stanze, unico, un fluire d’immagini e voci che perfettamente s’intersecano fra loro e si riflettono, riflettendo. Queste le parole di Enrico Ghezzi: indagatore della follia del vedere, della possibilità-impossibilità della visione: Tarkovskij.

Intenso, materno, complesso e visionario.   

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com