NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Boiling point - I nuovi gangsters - 3-4x Jugatsu
Anno: 1990
Regista: Takeshi Kitano;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Giappone;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

Boiling point – I nuovi gangsters. Takeshi Kitano. 1990. GIAPPONE.

Attori: Takeshi“Beat” Kitano, Masahiko Ono, Yuriko Ishida, Minoru Ikuza.

Durata: 96’

Titolo originale: 3-4x Jugatsu

 

 

Giappone. Tokyo. Masaki è un ragazzo semplice non troppo sveglio per il baseball, lo sport che la sua squadra pratica senza troppa fortuna sui campetti di periferia. Lavora come benzinaio in una stazione di rifornimento. Un giorno, di turno sul posto di lavoro, si ribella alle pretese di un membro della yakuza e costringe l’associazione mafiosa a chiedere il pizzo al distributore in cambio dell’accaduto. Prova a mettersi in mezzo il mister della squadra, un amico di Masaki che, dopo aver fatto valere la propria persona (era un ex affiliato) è comunque schiacciato dall’organizzazione. Masaki ed un amico decidono allora di accodarsi ad Uehara, un boss psicopatico e violento che, dopo aver disintegrato una cellula dell’organizzazione, soccombe anch’egli sotto il fuoco nemico. Deciso a compiere ugualmente vendetta Masaki si lancia con un’autocisterna carica di benzina nel palazzo della yakuza.

Secondo appuntamento del regista nipponico con la macchina da presa, questa volta più teorico che pratico. Sicuramente il più barocco, onirico e dissacrante dei suoi prodotti, esplosioni di violenza ingiustificata che si alternano a colpi d’intelligente comicità in un lavoro che è un pachwork di idee e progetti. Assoluta mancanza delle musiche, dialoghi come sempre minimi, il cinema di Kitano questa volta sembra rimanere eccessivamente legato al suo regista. Passione per il baseball, primi accenni alla realtà yakuza (il dito che viene tagliato in segno d’errore), rotture narrative (l’automobile che si schianta mentre i passeggeri sfottono la coppia in moto), Bowling point aggiunge altri elementi ad un cinema che sembra proseguire la strada della completezza. Film circolare, si apre e si chiude con la stessa sequenza, il buio dal quale appare il volto di Masaki, il dolly che introduce un diamante, il campo da baseball. Il titolo originale indica il punteggio di una partita di baseball vinta dagli ospiti.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com