NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Fuori di testa - Bad taste
Anno: 1987
Regista: Peter Jackson;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Nuova Zelanda;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

Fuori di testa.  Peter Jackson. 1987. N.Z.

Attori: Peter Jackson, Terry Potter, Pete O'Herne, Craig Smith, Mike Minett, Doug Wren

Durata: 87’

Titolo originale: Bad taste.

 

 

Kaihoro. Nuova Zelanda. Un gruppo d’alieni dalle apparenti sembianze umane ha invaso la terra ed il ministro degli affari esteri si affida ad un gruppo di uomini adatti alla situazione, quelli della Alien Investigation Defense Service. Barry e Derek si trovano già sul posto e riescono prima a catturarne uno e poi ad ucciderne altri. Nel frattempo altri tre del gruppo li stanno raggiungendo. Intenzionato a saperne qualcosa di più, Derek tortura quello catturato ma finisce per cadere da uno strapiombo. Nella cittadina, ormai completamente disabitata, giunge nel frattempo un uomo per la raccolta di fondi di beneficenza ma viene catturato dal gruppo di alieni e portato in una casa dove il giorno dopo sarà cucinato e servito come cena di festeggiamento prima del ritorno a casa degli alieni. Gli uomini della A.I.D.S. raggiungono la casa e la mettono sotto assedio mentre Derek, con la testa fracassata ma tenuta insieme da una cinta, li raggiunge. Salvato l’ostaggio, ingaggiato un lungo conflitto a fuoco, il gruppo scopre le intenzioni degli alieni: erano giunti sulla terra per rifornirsi di carne umana per lanciare una nuova specialità sul mercato intergalattico degli hamburger. Il leader degli alieni riuscirà a fuggire con la sua casa-nave spaziale, ma Derek, rimasto bloccato al suo interno, prima lo squarta e poi, inserendosi nel corpo di questo, annuncia vendetta contro il paese d’invasori.

Autentica follia splatter di un regista visionario, eccentrico e pieno d’idee. Teste che esplodono, cervelli che cadono in terra, blood and guts, brindisi al vomito e tanta altra carne, fanno omaggio ad un titolo (quello originale) mai più azzeccato. Il regista, Peter Jackson, ha scritto e prodotto la pellicola (secondo la formula low budget), curato il make-up e gli effetti speciali in un film che ha necessitato di ben quattro anni di lavorazione ed è spesso stato definito come l’equivalente neozelandese de La casa (1983) di Sam Raimi (Il Mereghetti – Dizionario dei film 2000). Ironia e gore si mischiano in questa allegra rappresentazione granguignolesca che mette insieme anche elementi del cinema di fantascienza e di quello action. Primi piani e largo uso del grandangolo, carrelli e campi lunghi, panoramiche e piani sequenza, in questo film c’è davvero di tutto, forse troppo per una sola pellicola, ma comunque con più di uno spunto creativo ed intelligente.  Peter Jackson interpreta il ruolo di Derek.

 

 

Mario Bucci

videodrome76@hotmail.com