NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


L'esorcista - The Exorcist
Anno: 1973
Regista: William Friedkin;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

L’esorcista. William Friedkin. 1973. U.S.A.

Attori: Ellen Burstyn, Max von Sydow, Linda Blair, Jason Miller, Lee J. Cobb

Durata: 120'

Titolo originale: The Exorcist

 

 

Iraq. Durante uno scavo archeologico, sono rinvenuti oscuri monili che il responsabile dello scavo riconosce come simboli maligni. Georgetown, USA. Durante le riprese di un film, la figlia dell’attrice MacNeil accusa disturbi che ad una prima analisi sono riconosciuti in uno sdoppiamento della personalità. Cercate delle spiegazioni mediche attraverso trafile ospedaliere, la madre accetta di passare ad una cura psichiatrica. Nel frattempo un ispettore di polizia indaga sulla morte del regista del film trovato con il collo rotto in fondo alla scalinata sulla quale si affaccia la stanza da letto della giovane Regan MacNeil. Riconosciuta l’impossibilità di una cura medica di nessun genere, l’attrice accetta di affidarsi ad una cura esorcizzante. E’ interpellato padre Kallas, un ex pugile d’origine greca, esperto di psichiatria, e che ha appena perso la madre in un manicomio. L’uomo è ai limiti della fede, troppo legato alla realtà della sofferenza, decide comunque di interessarsi al caso. Dopo aver verificato la veridicità della possessione, senza la quale non avrebbe ottenuto il via libera della Chiesa, è affiancato da padre Merrin (lo stesso archeologo visto durante il prologo), un anziano esorcista con una lontana esperienza africana. La piccola Regan non ha più niente d’umano, il demonio gestisce del suo corpo senza mai rinunciare ad offendere, vomitare e colpire i due preti quanto chiunque altro aveva cercato di avvicinarsi a lei. Allontanato da padre Merrin, padre Kallas farà ritorno nella stanza dove Regan è tenuta legata per combattere il demonio personalmente; morto l’anziano prete, si farà possedere per poi buttarsi dalla finestra e morire assieme al Male.

Con L’esorcista Friedkin dà il via ad un filone dell’horror che mai più ha toccato limiti metafisici come in questo caso. Attraverso il fenomeno della possessione e dell’esorcismo, il regista riesce ad individuare i diversi punti contradditori tanto della fede e della verità, quanto del male e della menzogna (l’incontro tra i due preti e la giovane posseduta gioca tutto su quelle parole false o vere in bocca al demonio, come lo sguardo di padre Merrin a padre Karras, quando capisce che il greco è al limite della fede). Molti hanno preferito vedere nell’esorcismo il rifugio nell’arcaicità religiosa di fronte alle domande senza risposte, ma forse sarebbe più corretto parlare della stessa arcaicità della religione, la cui crisi è sintetizzata proprio dall’ambiguo padre ex pugile, dai suoi rimorsi, dal rapporto tra manicomio e la possessione stessa, quasi ripercorrendo l’ambiguità classica dell’immagine clinica foucoltiana che vuole in questo contesto un prete di fronte al diavolo domandare di possederlo, una volta riconosciuto il fatto che la sua verità di prete è venuta meno (non a caso quelli più convinti muoiono di fronte al male, mentre padre Karras muore con il male, forse ormai non più nemmeno prete, lui che il diavolo non ha riconosciuto quando è entrato la prima volta nella stanza con abiti normali). Regia pulita, in contrasto con la figura blasfema e demoniaca interpretata da Linda Blair alla quale è consegnata nella sceneggiatura una caterva di sproloqui e bestemmie al limite della censura cattolica. Effetti speciali particolarmente toccanti ed efficaci di Dick Smith e Rick Baker, vomito ed occhi verdi e spruzzi di sangue, sono poco di fronte alle due sequenze della ragazza che prima scende le scale come un ragno (nella versione 2000 con nove minuti in più) e poi quella che la vede girare la testa di 360°. Molto brava Ellen Burstyn nel ruolo di una madre che man mano segna su se stessa i problemi della figlia, perfetto Jason Miller nel ruolo del padre in crisi e particolarmente suggestiva la chiamata d’ingresso in scena pensata per l’esorcista interpretato da Max Von Sydow; tanto coraggio per Linda Blair che ha segnato la sua carriera cinematografica con uno dei personaggi più duri del cinema horror. La pellicola vinse al botteghino e conquistò l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale (e per le musiche), stesa dall’autore dell’omonimo romanzo, William Peter Blatty. Rispetto al testo originale, però, le riflessioni circa le patologie si fanno spesso un po’ più rarefatte per lasciare maggior spazio alla mostruosità dell’ossessione. Senza troppo sopravvalutarlo, sarebbe giusto anche rivederlo più focalizzandolo attraverso le trame dei dialoghi che dando troppa importanza agli effetti speciali ….il male contro il male, dice il capo del campo archeologico all’inizio… santi e demoni e verità e menzogna sembra aggiungere quello che accade a Georgetown.

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com