NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Under Suspicion
Anno: 2000
Regista: Stephen Hopkins;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

Under suspicion. Stephen Hopkins. 2000. U.S.A.

Attori: Gene Hackman, Morgan Freeman, Thomas Jane, Monica Bellucci

Durata: 111'

 

 

A San Juan, Portorico, si sta organizzando una grande manifestazione per la raccolta di fondi a causa di un violento uragano che ha colpito il posto. Poco prima di recarsi nella sala dove avrebbe dovuto tenere il suo discorso, l’avvocato Henry Hearst è invitato dall’amico Victor, capitano di polizia, presso il suo ufficio per chiarire alcuni dettagli sul ritrovamento del cadavere di una bambina. Il signor Hearst, sposato con una bellissima e più giovane moglie, è, infatti, colui che ha ritrovato questo secondo cadavere. La nuova deposizione non coincide con le precedenti e l’ispettore Victor cerca di portare i nodi al pettine indagando sulla vita privata del suo amico e della bella moglie.

Tratto dal romanzo Brainwash di John Wainwright, il film è un remake del francese Guardato a vista (1981) del regista Claude Miller e senza confrontare le due pellicole si può con certezza assicurare che Under suspicion è concretamente un brutto lavoro. Logorroico e mal recitato il film non esalta mai lo spettatore. L’unica buona idea, quella di passare con frequenza dalle immagini dell’inchiesta a quelle del luogo dell’omicidio, mantenendo i soggetti sulla costante riga del racconto personale, è materia persa se si constata la brutta prova degli attori: Gene Hackman gigioneggia ma senza stile, Monica Bellucci non delude tutti coloro che la vorrebbero cinematograficamente macellare (per giunta si doppia da sola ed è veramente scadente) mentre Morgan Freeman quasi si mette a ridere quando recita le parole di dialoghi che ha interpretato per tutta l’ultima parte della su carriera, quelle del poliziotto esperto di psicologia criminale. Poteva essere un più profondo processo kafkiano, invece è il solito né carne né pesce. Davvero brutto.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com