NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


I sognatori - The dreamers
Anno: 2003
Regista: Bernardo Bertolucci;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia; USA;
Data inserimento nel database: 02-12-2003


La grande guerra

The dreamers – I sognatori. Bernanrdo Bertolucci. 2003. USA-ITALIA.

Attori: Michael Pitt, Eva Green, Louis Garrel

Durata: 130’

 

 

Parigi. Maggio 1968. Il giovane americano Matthew, studente da un anno nella capitale francese, è un appassionato di cinema che scende in piazza per difendere Henri Langlois, altissimo rappresentante della cinematografia francese. Durante una manifestazione conosce i fratelli Isabelle e Thèo. I genitori di questi partono per le vacanze lasciando l’enorme casa libera e Matthew è invitato a trascorrere il resto del tempo nell’appartamento. Da subito l’americano si deve confrontare con l’ambiguità della coppia: legati da un rapporto ai limiti dell’incesto, i due lo trascinano in prove sempre più forti fino al rapporto sessuale fra Matthew e Isabelle che, perdendo la verginità con l’americano, s’innamora del ragazzo, senza che però diminuisca la sua attrazione morbosa con Thèo. I giorni trascorrono tra bottiglie di vino pregiato e bagni a tre nella vasca, tra scene del cinema classico mimate e confronti politici, fino a che un giorno, mentre Isabelle prova a dare la morte a tutti e tre con un tubo del gas lasciato aperto, la strada non irrompe con tutta la sua storia. I ragazzi scendono in piazza ancora una volta e davanti alla scelta di affrontare la polizia con le maniere forti, Matthew si tira indietro mentre Thèo si scaglia contro di loro con una molotov, seguito dalla sorella. L’ultima immagine del ’68 è una strada sulla quale si è combattuti e dove sostano solo i fari delle camionette della repressione.

Più che ad una storia sul sessantotto, ed una critica a quelle che furono le decisioni di come intraprendere la lotta che avrebbe cambiato il mondo, il nuovo lavoro di Bernardo Bertolucci è un omaggio al cinema nel quale il regista racconta se stesso, quasi in maniera biografica (pur trattandosi di una storia non vera). Se Isabelle rappresenta la folle passione per il cinema (o la passione che è il cinema) e Thèo l’impegno politico che si scontra e non riesce più ad andare d’accordo con la poesia (la discussione a cena tra padre e figlio, il primo poeta e sostenitore finanziario\vitale del secondo) Matthew è un frammento di razionalità ingenua che alla fine si sottrae ad un percorso nel quale, nel maggio del ’68, la maggior parte della cinematografia francese si riconobbe. Legato al tema del doppio (uso degli specchi costante; nella scena della vasca da bagno Isabelle è al centro ed i due ragazzi ai lati, che riflettono la propria immagine nello specchio dell’altro) e del contrario (come la pellicola che ha un negativo ed uno sviluppo positivo) The dreamers è principalmente un appassionato omaggio al cinema di base sul quale si è costruita la formazione del regista. In chiave politica invece, i tre personaggi vivono al chiuso dei propri sogni, in una sala cinematografica o nel loro ricco appartamento, lasciando che le pareti o lo schermo li dividano dalla realtà sempre più caotica del movimento, fino a che però non è il movimento ad irrompere nella loro quotidianità. Sarà proprio Thèo, che cita passi sulla rivoluzione seduto sul suo letto, a scagliare la prima molotov contro la polizia, provocando quella reazione che scaccerà il movimento dalla strada, dopo che questa era stata finalmente conquistata. Le parole di Edith Piaf giustificano, mentre scorrono i titoli di coda, scelte e posizioni di un regista che con Novecento (1976) sembrava aver partecipato all’esperienza politica in maniera differente e forse più appassionata di quanto mostri in questa pellicola. Pungenti le parole di Thèo che criticano il padre “Il fatto che dio non esiste non vuol dire che lui debba prenderne il posto…”. Colonna sonora sublime (Hendrix, Joplin, Doors, Francoise Hardy) fotografia perfetta di Fabio Cianchetti (Isabelle come la venere di Milo), interessante Louis Garrel (Thèo) e molto bella Eva Green (Isabelle). Un film che si lascia vedere, ma che forse soffre di un’eccessiva autoreferenzialità e che comunque, facendo appello ad una serie di citazioni, rimane troppo legato ad una passione non superficiale per un pubblico ben preciso. Non per tutti, carico di stereotipi, ma migliore di altre pellicole dello stesso regista.

 

 

Bucci Mario

videodrome76@hotmail.com