NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Il mago di Oz - The wizard of Oz
Anno: 1939
Regista: Victor Fleming;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 27-09-2005


La grande guerra

Il mago di Oz. Victor Fleming. 1939. USA.

Attori: Judy Garland, Frank Morgan, Bert Lahr, Ray Bolger, Jack Haley, Margaret Hamilton, Billie Burke

Durata: 101’

Titolo originale: The wizard of Oz

 

 

Kansas. USA. La piccola Dorothy Gale combina guai dentro e attorno alla sua fattoria e quando si vede costretta a perdere il suo cane Totò perché ha morso la vicina, fugge via con la bestiola. Incontra sulla strada un mago cialtrone che la convince a ritornare dalla zia Emma, ma purtroppo la fattoria è colpita da un tornado ed una volta in casa, Dorothy è strappata via dalla forza del vento, assieme a tutta l’abitazione. Placatasi la tempesta si ritrova in un mondo incantato e colorato, sul quale la casa è caduta, uccidendo involontariamente la Strega dell’Est e liberando il popolo dei Mastichini. Ad interrompere i festeggiamenti è la Strega dell’Ovest, giunta per vendicare la sorella, ma soprattutto per recuperare le di lei scarpe rosse che invece finiscono ai piedi dell’undicenne. La Strega del Nord, una sorta di fata buona, consiglia a Dorothy, che vuole ritornare in Kansas, di rivolgersi al potente mago di Oz, rinchiuso nella sua Città di cristallo, raggiungibile solo attraverso il sentiero dorato. Sulla strada Dorothy incontra dapprima uno spaventapasseri senza cervello, poi un uomo di latta senza cuore ed infine, nella foresta, un uomo leone senza coraggio. Tutti e quattro decidono di raggiungere il mago per domandare a lui di dargli quello che manca ad ognuno di loro. Come ultimo tentativo la Strega dell’Ovest gli fa trovare un campo di papaveri proprio all’ingresso della città, nel quale si addormentano la bambina e l’uomo leone, ma l’intervento della Strega del Nord, che fa nevicare sul campo, li libera dall’incantesimo. Giunti nel castello, dopo essere stati rimessi a nuovo, si presentano al cospetto del mago che, per esaudire i loro bisogni, chiede in cambio la scopa della Strega dell’Ovest. I quattro decidono allora di recarsi nelle terre buie di quella ma, aggrediti da scimmie volanti, perdono la bimba ed il cane, entrambi rapiti. La strega malvagia, per ottenere le scarpe rosse che Dorothy indossa, è costretta ad ucciderla ma la fuga del cane Totò, e l’arrivo dei compagni d’avventura, interrompono l’incantesimo e fa in modo che la strega muoia, colpita da acqua utilizzata dalla bimba per spegnere il fuoco che stava divorando lo spaventapasseri. Anche il popolo dell’Ovest è finalmente liberato dalla strega e con la scopa di quella i quattro tornano al cospetto del mago, che in realtà si rivela però un cialtrone. Per soddisfare ugualmente le loro esigenze il mago conferisce un diploma allo spaventapasseri, una medaglia al leone ed un orologio a forma di cuore all’uomo di latta. Per quanto riguarda Dorothy, che vorrebbe tornare nel Kansas, le offre un passaggio sulla sua mongolfiera, visto che anche lui, delle stesse origini della bambina, vorrebbe ormai tornare nel suo paese. L’ennesima fuga di Totò fa scendere Dorothy dalla mongolfiera, che l’abbandona. L’arrivo della Strega del Nord svela alla fanciulla il trucco per tornare a casa, sbattere cioè tre volte i tacchi delle scarpe rosse. Una volta compiuto il gesto, la bambina si risveglia nel suo letto circondata da parenti e contadini, del tutto simili ai suoi amici fantastici.

Fantasy musical davvero spettacolare per l’epoca, che alterna il bianco e nero per le scene reali con uno sfavillante colore per le scene girate nel paese fantastico di Oz. Tratto da un racconto per bambini di Lyman Frank Baum, giornalista del Midwest, il film di Victor Fleming è uno sfoggio assoluto di costumi (oltre quattro mila), scenografie (65 scene), coreografie ricche e che traggono spunto dalla fantasia nordica fatta di streghe, gnomi e folletti, ma che sfrutta pienamente tutta una serie di sottotesti contemporanei alla stesura dell’opera. Non molti ad esempio sanno che nella storia esiste una critica massa dal movimento politico/economico Free Silver che voleva l’argento come valore mondiale dell’economia e non l’oro, che come la strada che dovrebbe portare al mago, si sarebbe rivelato una falsa pista, che avrebbe condotto all’ennesimo cialtrone. Secondo il testo originale infatti, lo spaventapasseri avrebbe rappresentato gli agricoltori, l’uomo di latta i lavoratori industriali ed il leone William Jenning Bryan, candidato democratico alle presidenziali del 1896. Questa lettura infatti fu eliminata nel film semplicemente sostituendo le scarpe d’argento di Dorothy con quelle rosse. Il movimento Free Silver fu comunque battuto a quelle elezioni [i]. Per quanto riguarda invece gli aspetti drammaturgici del film, siamo di fronte ad una fase di crescita della fanciulla, incompresa e priva ancora di una serie di libertà, che la conduce a conoscere il valore dei sentimenti, dell’intelligenza e del coraggio. È sicuramente una pellicola datata, sia nella sua realizzazione (è sostanzialmente un muscial) che negli intenti conservatori e nazionalisti (la pellicola finisce con l’accettazione della piccola che a casa è meglio che in qualsiasi altro posto) ma non si può fare a meno comunque di tener conto che siamo di fronte ad un vero prodotto cinematografico, fatto di pura finzione (tutto è falso, compresi i finti esterni) e spettacolarità visive (le immagini dentro la sfera di cristallo, il tornado che porta a spasso le persone, l’apparizione del finto mago). È un viaggio quello che compie Dorothy, nella crescita e nel passaggio verso la maturità, fatto d’incubi e cesellato di sogni sgargianti, cui purtroppo la piccola preferisce rinunciare in nome della quotidianità della sua famiglia. Over the rainbow, la canzone che la giovane Judy Garland (sedici anni quando girò questo film, e che ottenne il premio Oscar) intona all’inizio della pellicola, e che diviene motivo dell’intera pellicola, è tuttora una delle più celebri del cinema mondiale, e con la colonna sonora composta da Herbert Stothart, ottenne anche un premio Oscar. Il film fu girato in 136 giorni e costò due milioni e settecentomila dollari, ma ottenne successo praticamente solo negli Stati Uniti ed in Italia fu proiettato nelle sale solo nel 1949. Nel 1978 uscì una versione abbastanza singolare dello stesso racconto scritto da Lyman Frank Baum, The Wiz (I’m magic) del regista Sidney Lumet, interpretato da soli uomini di colore con New York a fare il paese di Oz [ii]. Ad anticiparlo però vi erano stati il seguito (inedito in Italia) Journey back to Oz (1974) di Hal Sytherland e l’australiano Oz (1976) di Chris Loften, mentre a seguirlo il britannico Nel fantastico mondo di Oz (1985) di Walter Murch, prima di questo film tecnico del suono. Nello stesso anno invece, il regista Victor Fleming realizzò uno dei capisaldi del cinema mondiale: Via col vento (1939). La prima versione per il cinema però, fu Il mago di Oz (1925) di Larry Semon. 

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com



[i] N. Gregory Mankiw. Macroeconomia. Zanichelli

[ii] Fernaldo Di Giammatteo. Dizionario del cinema americano. Editori riuniti.