NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


The Sixth Sense
Anno: 1999
Regista: M. Night Shyamalan;
Autore Recensione: Federica Arnolfo
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 10-12-1999


Untitled Document

The Sixth Sense
Di M. Night Shyamalan
Con Bruce Willis, Haley Joel Osment

Il vero protagonista di questo film è una porta chiusa. Porta chiusa su un mondo del quale nulla si vuole sapere, che si tenta laicamente di tenere a distanza, che si cerca di ignorare e che eppure è lì, come del resto lì era la Berlino Est che neanche un muro presidiato giorno e notte è riuscita a tenere ferma troppo a lungo.
Ma la porta chiusa è anche una precisa e chiarissima indicazione di stile: di fronte ad un cinema che si fa sempre più chiassoso ed esplicativo, di fronte a registi la cui unica ansia sembra essere quella di trovare la risposta definitiva alle paure millenaristiche che pare esistano più negli slogan ad effetto del marketing filmico letterario (ma non solo) che non nella testa della gente, "Il sesto senso" è un film che parla sottovoce, che spiega pochissimo, che persino dopo l'agnizione finale lascia nello spettatore quel senso di mistero e di vuoto da colmare ormai difficilissimo da trovare sul grande schermo. E allora l'espressione stolida ed impenetrabile di Bruce Willis, che sia dovuta ad incapacità od a somma bravura poco importa, è la migliore possibile. Perché l'uomo di oggi (ma non solo) è proprio colui che vede esclusivamente "quelloche vuole vedere". E poco più. E magari basta un film come questo, in silenzio, ad indicarci che magari a noi spettatori di oggi può essere ancora molto utile vedere al di là di quello che il regista vuole farci vedere. Sempre che qualcosa da vedere (come in questo caso) ci sia.