NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Scherzi del cuore
Anno: 1998
Regista: Willard Carroll;
Autore Recensione: Federica Arnolfo
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 29-04-1999


Untitled Document

Scherzi del cuore
Di Willard Carroll
Con Sean Connery, Geena Rowlands, Angelina Jolie, Gillian Anderson, Madeleine Stowe, Dannis Quaid

"Parlare d'amore è come ballare sull'architettura".
Willard Carroll, il regista, sembra mettere le mani avanti sin dall'inizio, confessandoci la difficoltà, se non addirittura l'impossibilità, di trattare un tema così sfuggente come solo l'amore può essere.
E ci prova con un racconto corale, che va avanti per minuscoli frammenti, dove più coppie si amano con difficoltà, e si tradiscono, e si rinfacciano vecchie infedeltà, e si sfuggono e si inseguono e si ritrovano, o si perdono definitivamente ghermiti dalla morte, per poi riunirsi in un gran finale che ricorda tanto certo Altman.
Difficile dare un giudizio su un film così disomogeneo, che alterna episodi deliziosi (come quello tra Sean Connery e Geena Rowlands) ad altri molto intensi (come quello con la splendida e bravissima esordiente Angelina Jolie, un viso che si illumina e buca lo schermo come pochissime attrici ormai riescono a fare), ad altri decisamente mediocri (come quello - spiace dirlo soprattutto per gli X-Files maniaci - con Gillian "Dana Scully" Anderson, chiusa in un ruolo che non le si addice e che sembra portare avanti con non troppa convinzione).
Nel complesso un film godibile e vedibile, ma decisamente innocuo, nel bene come nel male.