NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Babbo bastardo - Bad Santa
Anno: 2003
Regista: Terrry Zwingoff;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 24-11-2004


La grande guerra

Babbo bastardo. Terry Zwingoff. 2003. USA.

Attori: B.B. Thornton, Bernie Mac, Tony Cox, Lauren Graham, John Ritter.

Durata: 91’

Titolo originale: Bad santa

 

 

USA. Vacanze di Natale. In un centro commerciale ad ascoltare i desideri dei bambini c’è una particolare coppia composta da un Babbo Natale trasandato, Willie, ed un nano di colore vestito da gnomo, Marcus. In realtà sono due rapinatori professionisti che, non appena chiuso il centro commerciale, svuotano la cassaforte e riempiono i carrelli seguendo una lista di ricchi regali. È il settimo colpo in sette anni che gli riesce e Willie giura che sarà anche l’ultimo. Trascorso un anno invece, Willie, che si è sperperato tutto in alcool, accetta di tornare a fare coppia con Marcus in un altro centro commerciale di Phoenix. Sempre ubriaco, violento e distratto, Willie complica la situazione al centro commerciale fornicando nel reparto taglie grosse, dicendo parolacce, e maltrattando i bambini che gli si siedono sulle ginocchia per chiedere i regali che vorrebbero trovare sotto l’albero. Preoccupato, il responsabile del centro commerciale chiede al responsabile della sicurezza, Gin, di trovare un modo per licenziare l’eccessivo Babbo Natale, ormai imbarazzante. Tra i tanti fanciulli che si siedono sulle ginocchia di Willie, intanto, uno in particolare gli si affeziona tanto da accettarlo in casa sua, una lussuosa villa dove egli vive solo con la nonna. Willie se ne approfitta e diventa subito proprietario di casa, invitando la donna che ha appena conosciuto al bar a condividere l’appartamento. Gin scopre nel frattempo chi sono veramente Willie e Marcus e chiede il cinquanta per cento del bottino della rapina che hanno intenzione di compiere. Marcus, che non la prende tanto bene, uccide Gin ed il giorno della rapina prova anche ad uccidere Willie, ormai diventato più un problema che un complice. L’intervento della polizia complica ulteriormente le cose: Willie prova a fuggire per arrivare in tempo a casa e dare al ragazzetto l’elefante pupazzo che tanto desiderava, ma è abbattuto a colpi di pistola proprio davanti all’ingresso. Babbo Natale finisce in carcere ma tra i due continua una fitta e affettuosa corrispondenza.

Il regista Terry Zwingoff proprio non ce la fa a vedere le cose normali… dopo il documentario, infatti, sul dissacrante disegnatore Crumb (1994) ed il film Ghost World (2000), Zwingoff realizza ancora una volta una pellicola dai sapori grotteschi e surreali, carica di stereotipi esasperati fino all’eccesso e situazioni che strappano sorrisi ma che non hanno il fondamentale dono della continuità. Da un soggetto vincente e divertente come quello di un Babbo Natale ubriaco e molesto (scritto dai fratelli Ethan e Joel Cohen, anche produttori esecutivi) il regista lavora su una sceneggiatura un po’ macchinosa (di John Reque e Glenn Ficarra) non supportata da un adeguato montaggio, forse un po’ troppo ballerino. Caratteri forzati de personaggi (alcuni davvero azzeccati però) e una storia a metà tra la parodia dei film di rapina e delle commedie natalizie per ragazzi, costituiscono l’ossatura di un film che potrebbe lasciare il segno solo per l’eccessivo uso di parolacce del suo protagonista, Babbo Natale. Certo, lo spirito natalizio è fuori discussione così come dissacrante è la maggior parte delle battute, fatta di botta e risposta acidi e pesanti, ma si avverte sempre qualcosa che sembra mancare ad ogni inquadratura, ad ogni sequenza (la più bella è quella del pupazzo di neve). L’unico momento davvero riuscito del film è la confessione del grasso fanciullo che ammette di sapere sin dall’inizio che Willie non è Babbo Natale, e gli confessa di aver bisogno di compagnia. È questa la vera sorpresa del film, la coscienza che il piccolo ha della sua solitudine. Riletto attraverso l’isolamento del bambino, abbandonato all’immagine collettiva del consumo natalizio (di cui a sua volta il Babbo Natale rapinatore ne è un emblema) forse il film potrebbe apparire più interessante (sebbene manchino davvero gli elementi necessari ad entrare in quest’ottica). Molto brutto il doppio finale: già il primo (quello della morte di Babbo Natale) sembrava telefonato e tirato per i capelli, ma il secondo (la vendetta del ragazzino) rovina un lavoro che fino a quel momento almeno non aveva infastidito. È, infatti, proprio la scelta dell’happy end (redenzione del cattivo e soluzione dei problemi di un bambino abbandonato) che vanifica la scelta di un personaggio (e tutto il percorso del film) fastidioso e socialmente pericoloso. C’è qualcosa di Fargo (1996) dei fratelli Cohen nell’aria invece, mentre L’uomo che non c’era (2001), altra pellicola diretta dai fratelli Cohen ed interpretata proprio da B. B. Thorntorn, è davvero cosa lontana. Sotto tono, infatti, appare l’attore (che si dice fosse davvero ubriaco in alcune scene) forse penalizzato in Italia da un brutto doppiaggio, privo soprattutto d’ambiente e spessore. Per quanto riguarda Tony Cox, il collega nano di Babbo Natale, mi sembra di ricordarlo anche come ex attore porno….ma forse mi sbaglio. L’attore John Ritter, invece, che interpreta Bob Chipeska, l’ambiguo responsabile del centro commerciale (una delle figure più divertenti), è morto poco dopo la fine delle riprese, all’età di cinquantaquattro anni. I fans lo ricorderanno nel telefilm Tre cuori in affitto dove interpretò Jack. Il film sostanzialmente, anche se ha fatto la sua comparsa a Cannes fuori concorso, è meno pungente di quanto ci si aspetti. Per vedere un altro Babbo Natale davvero singolare, cercare le prime immagini de Il braccio violento della legge (1971) di William Friedkin, interpretato da Gene Hackman.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com