NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Francesca
Anno: 2009
Regista: Bobby Paunescu;
Autore Recensione: Antonio Dabraio
Provenienza: Romania;
Data inserimento nel database: 02-02-2010


Francesca, la protagonista dell’omonimo film, è una trentenne più che normale con un lavoro una casa e amici. I suoi genitori sono divorziati e sua madre vive con lei. Ma Francesca vive la situazione come un dato di fatto. Vuole molto bene a suo padre, è in ottimi rapporti con lui e la sua nuova donna; lui è il primo della famiglia a cui la ragazza parla del suo nuovo progetto: andare in Italia e aprire un asilo di lingua rumena per una delle numerose comunità stanziatesi in quel lontano paese. “Francesca non è italiana e non è mai stata in Italia, ma a sentire la sua storia, omettendo nomi e luoghi nessuno lo avrebbe mai capito”: sembra questo il messaggio di Bobby Paunescu. Una provocazione verso gli italiani? Una verità cruda presentata sui servigi indispensabili di milioni di donne rumene che abbandonano tutto e si lanciano nel pozzo oscuro dell’immigrazione, senza sapere se cadranno in piedi, mentre l’occidente si preoccupa di installare apparecchi antifurto nelle proprie case e studiare leggi restrittive sull’immigrazione nei loro parlamenti? Forse. Il film di Paunescu parla di tutto questo, ciò che non dice, ma che lascia volutamente trapelare, è il pregiudizio bilaterale che corre tra due popoli scossi da alcune vicende di piccola delinquenza divenute scontri diplomatici, e i media hanno fatto la loro parte per acuire il pregiudizio. Gli italiani pensano che i rumeni siano tutti zingari e ladri; i rumeni pensano che gli italiani siano un popolo di mercenari che han bisogno di carne umana da far prostituire e all’occorrenza espiantare gli organi di cui hanno bisogno. In questo film non si risparmia proprio nulla per quando riguarda i pregiudizi, in ambo le parti. Anche l’entrata in Europa del paese ex comunista è vista come un nuovo sopruso da subire per conto degli italiani. Ricorda molto le aspettative degli italiani, riguardo a questo evento politico, di nuovi soprusi da subire per conto dei rumeni. Un film sulle paure sociali, insomma, ma anche un film di storie umane; di amori amicizie e la difficoltà di sbarcare il lunario. Un film di storie rumene che potrebbero essere italiane e che val la pene di andare a vedere.