NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Domaine
Anno: 2009
Regista: Patric Chiha;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: Francia;
Data inserimento nel database: 12-09-2009


La matematica come visione del mondo e come base su cui tutta l’attività umana ruota,

Nadia è una donna matura, ex professoressa di matematica, studiosa dei fenomeni legati alla stessa.

Ha smesso di lavorare perché soffre di alcolismo e di difficoltà di relazioni umane.

Lega solo con Pierre suo nipote, 17 anni, adolescente tranquillo ma che non ha molte affinità con i ragazzi ed amici della sua età. Preferisce stare il suo tempo libero con Nadia. Con lei riesce a sentirsi bene.

La relazione fra i due però si esaspera, creando anche le rimostranze della madre di Pierre.

Troppo tempo insieme sta creando fra i due qualcosa che non va e che non può andare.

E’ un film di formazione, Pierre cresce con Nadia ma si stacca da lei incontrando un ragazzo che inizia a frequentare e Nadia peggiora la sua dipendenza all’alcol.

La loro relazione è malata, non ha nulla di matematico come direbbe Nadia.


E’ un film coraggioso, di altri tempi, un film di relazioni semplici e forti, introspettivo e lento.

Ci vuole coraggio perché con tanti film che sparano ed urlano, Patric Chiha fa un lavoro di precisione, si serva a guardare dentro. Ci parla di incomprensioni, di amori finiti e difficili, di tanti e tante relazioni che non hanno comunicazione. La antica e nostalgica incomunicabilità che torna e ci fa tanta nostalgia.

Gli attori Béatrice Dalle, Isaïe Sultan entrambi recitano con molta fisicità e con molta enfasi.


Non abbiamo anche qui molte speranze.

L’amore che si è creato fra i due e già morto.

Si ferma in un bosco dell’Austria, dove in un gita proibita il distacco del giovane Pierre arriva definitivo.