NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Star 80
Anno: 1983
Regista: Bob Fosse;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 04-12-2003


La grande guerra

Star 80. Bob Fosse. 1983. U.S.A.

Attori: Mariel Hemingway, Eric Roberts, Cliff Robertson, Carroll Baker, Roger Rees

Durata: 103'

 

 

Vancouver. Dorothy Stratten, una commessa di un fast food non ancora matura ed iscritta all’ultimo anno di scuola, s’innamora di Paul, un disoccupato che sbarca il lunario organizzando strip tease e concorsi di maglietta bagnata. Dopo averle chiesto di posare nuda per la sua polaroid, Paul riesce a convincere Dorothy prima ad entrare nel mondo della rivista Playboy e dopo a sposarla. Quando la carriera di sua moglie incomincia a farsi più interessante, grazie anche a diverse proposte di lavoro che le fanno conoscere il cinema, il rapporto tra i due peggiora sotto i colpi della gelosia di Paul.

L’ultimo lavoro di Bob Fosse, autore anche della sceneggiatura, s’ispira ad una storia vera, tragica, quella appunto di Dorothy Stratten, uccisa da suo marito per gelosia, e narrata come se fosse un documentario-inchiesta nel quale si alternano interviste a parenti e amici della coppia, cesellate fra loro dal costante uso del flashback e con una soddisfacente ricostruzione del periodo a cavallo tra i ’70 e gli ‘80. La bella Mariel Hemingway, che si fece rifare il seno per coprire questo ruolo, ed il bravo Eric Roberts, interpretano sullo schermo i malumori di una coppia che da Vancouver raggiunge il mito americano del (in)successo. Soldi e fama (Paul), innocenza e timore (Dorothy), culto dell’immagine, attraverso l’esasperante uso della fotografia, il centro del discorso di Fosse. Senza infamia e con qualche piccola lode, la pellicola raggiunge il punto più alto quando il detective assoldato da Paul conferma i suoi gelosi timori ed una sottile musica s’insinua fra le immagini accompagnando per quasi dieci minuti la reazione di questo. Cliff Robertson interpreta il regista Peter Bogdanovich che nella realtà scelse Dorothy Stratten per il suo “…E tutti risero” (1981). Fotografia di Sven Nykvist.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com