NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Vanilla Lament
Anno: 1997
Regista: Catherine Crouch;
Autore Recensione: Adriano Boano
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 20-04-1998


Vanilla Lament

Vanilla Lament

Regia: Catherine Crouch
Formato: 16 mm.
Durata: 6´
Provenienza: USA
Anno: 1997

visto al 13° Festival Internazionale
di Film con Tematiche Omosessuali
di Torino


Le vecchie canzoni sixties più spensierate fanno da cornice ad un corto molto ben cadenzato, dove i dettagli sono evidenziati con interventi su pellicola che accentuano i bordi degli oggetti e conferiscono ulteriore movimento ai gesti di una quotidianità fatta di screzzi e divertimento, che trovano una duplicazione buffa nell´uso di due barbie, alter ego delle due conviventi in rotta; le due bambole sono sempre nude ed esibiscono senza falsi pudori i veri sentimenti delle due donne.
Spassoso lo sketch allo specchio, che consente alla ragazza di mascherarsi e di giustapporsi barba e baffi, usando la colorazione manuale della pellicola dopo lo sviluppo. Con lo stesso metodo si aggiungono un sole dipinto in cielo e Manhattan incorniciata, mentre il fumo di una sigaretta diventa colore che offusca e chiude il siparietto. Conclude il sogno la foratura della bici (ovviamente le ruote cerchiate continuano a girare grazie al colore fittizio da post-produzione) ed il recupero delle immagini precedenti in una ridda frenetica di bambole, realtà, sogno fumettaro, conducono all´immaginazione liberatoria di un´orgia di Barbie.
Lo stile un po´ sporco e lo spirito scanzonato fanno apprezzare la tecnica, elevandola dal rango di mero esercizio stilistico a godibile rimeditazione su un rapporto finito.