NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Kadosh
Anno: 1999
Regista: Amos Gitai;
Autore Recensione: Federica Arnolfo
Provenienza: Israele;
Data inserimento nel database: 06-06-1999


Untitled Document

Kadosh
Di Amos Gitai

Una storia tutta al femminile nella cornice del quartiere ebreo di Mea Shearim di Gerusalemme. Rivka e Malka sono due sorelle la cui vita, come quella di tutte le donne della comunità, viene decisa a tavolino dal rabbino sulla base di alcuni semplici postulati: la donna deve sposarsi, assicurare una discendenza al marito, alleviargli la vita rendendogli possibile lo studio della Torah. Ecco così che Rivka, che in dieci anni di matrimonio non è mai rimasta incinta (e a nessuno passa neanche per un momento l'idea, per la mente, che la colpa non sia sua), viene allontanata dal marito che, seppure a malincuore, si piega ai voleri del rabbino e sposa un'altra donna. Ecco così Malka che, innamorata di un uomo che ha scelto di vivere fuori dalla comunità, è costretta a sposare un uomo che non ama.

Storia di quotidiane discriminazioni che le due sorelle, a modo loro, decidono di sfuggire, lasciandosi morire la prima, tradendo il marito la seconda e - si ipotizza - abbandonando alfine la comunità.
Un film durissimo, una storia letta dal-di-dentro ma che arriva a noi, che viviamo senza porci troppe domande una vita totalmente diversa, in modo diretto e pungente, attraverso i volti di due donne bellissime e così inquietantemente simili a noi anche se lontane anni luce.
Per riflettere.