NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Kapringen - A Hijacking
Anno: 2012
Regista: Tobias Lindholm ;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: Danimarca;
Data inserimento nel database: 20-09-2012


“E ritengo che siate tutti molto professionali.” I pirati sono sempre fonte di grande ispirazione per del cinema. Però i tempi sono cambiati; il Corsaro Nero è stato sostituito da moderni predatori dotati di kalašnikov e telefono satellitare. Oggi stanno colpendo diverse zone particolarmente deboli del pianeta, soprattutto sono intensi nel Golfo di Aden, perché sfruttano l’anarchia nel paese guidato da Mogadiscio. Questi avvenimenti odierni potrebbero catturare l’interesse dei registi, sia perché è possibile costruire un film d’azione, sia perché si può intervenire sull’aspetto psicologico e sociale. Kapringen - A Hijacking regia di Tobias Lindholm racconta un episodio di sequestro di una nave e del suo equipaggio, allo scopo di ottenere un ingente riscatto. Il regista esclude l’azione, come pure l’aspetto sociale della Somalia. Si concentra e narra l’elemento psicologico dei protagonisti. Il film è bipartitico, con una struttura divisa in due. La storia è semplice. Una porta container di una compagnia danese è sequestrata. I rapitori chiedono un forte riscatto. Inizia una lunga trattativa con la società. Nel frattempo la vita sulla nave è terribile e sta degenerando. La negoziazione termina e la barca è liberata, purtroppo con conseguenze dolorose per i marinai. Si comincia preparando la storia. Sull’imbarcazione tutto è tranquillo. Il cuoco Mikkel è ansioso di rivedere la moglie e la figlia. È profondamente innamorato. Nella sede dell’armatore, Peter è l’uomo di fiducia della società, benestante, elegante, scaltro nelle mediazioni. Dopo il rapimento, Peter si offre a trattare con il mediatore dei pirati. Un lavoro lungo, stressante. Alla conclusione i suoi nervi sono saltati. Era stato avvisato. In una contrattazione del genere si rischia di far prevalere i sentimenti e a rovinare il negoziato. Il montaggio non è veloce ma intenso. L’abilità è nel mettere insieme le due trame della storia, creando un contrasto fra i raffinati uffici di Copenaghen e la sporca esistenza sulla nave. I marinai sono soggetti a pressioni elevante. Vivono in condizioni igieniche animalesche, continuamente al chiuso, con un fetore spaventoso, in quanto non si possono lavare e andare in bagno. Però sul mercantile si creano dei momenti di unità fra i membri di equipaggio e i pirati somali, come nelle scene amichevoli della pesca, o il bacio collettivo al pesce catturato.