NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


The Town
Anno: 2010
Regista: Ben Affleck;
Autore Recensione: Roberto Matteucci
Provenienza: USA;
Data inserimento nel database: 08-09-2010


The Town è un quartiere di Boston: Charleston. E’ il quartiere più malfamato d’America. Praticamente la popolazione di questo quartiere è dedito al furto e alla rapina di banche e furgoni blindati. Ben Affleck è regista, sceneggiatore ed attore di The Town. E’ un film d’azione, adrenalinico, veloce, fulminino. La storia è un classico: la prigioniera si innamora del suo carceriere. Serve per dividere la trama, e ovviamente, la credibilità di Boston. La storia d’amore serve proprio a dare una speranza alla città. Una città ripresa d’alto, con le mille luci. Dall’alto sembra una città tranquilla e serena ma ognuna di quelle luci nasconde un segreto. Noi lo riusciamo a vedere in serie di avvenimenti violenti, rapine. La squadra è formata da un gruppo di amici. Hanno un loro codice d’onore, eroe è chi si prende quarant’anni di carcere per non collaborare con la polizia. Il film è bello, come deve essere un film pieno di velocità. Vuole dividere il nostro sentimento, vuole farci parteggiare per un rapinatore ed assassino. Il finale è spietato: bisogna pagare le proprie colpe. Alcuni la pagheranno con la morte. Doug MacRay, un irlandese senza fede, sconterà le sue malefatte con un amore finito e con l’esilio. Valeva la pena? Ben Stiller ci dice sicuramente di no!