NearDark - Database di recensioni

NearDark - Database di recensioni

Africa

Godard Tracker


Tutte le
Rubriche

Chi siamo


Cerca nel sito

NearDark
database di recensioni
Parole chiave:

Per ricercare nel database di NearDark, scrivete nel campo qui sopra una stringa di un titolo, di un autore, un paese di provenienza (in italiano; Gran Bretagna = UK, Stati Uniti = USA), un anno di produzione e premete il pulsante di invio.
È possibile accedere direttamente agli articoli più recenti, alle recensioni ipertestuali e alle schede sugli autori, per il momento escluse dal database. Per gli utenti Macintosh, è possibile anche scaricare un plug-in per Sherlock.
Visitate anche la sezione dedicata all'Africa!


Malizia
Anno: 1973
Regista: Salvatore Samperi;
Autore Recensione: Mario Bucci
Provenienza: Italia;
Data inserimento nel database: 25-04-2005


Malizia

Malizia.  Salvatore Samperi. 1973. ITALIA.

Attori: Laura Antonelli, Turi Ferro, Alessandro Momo, Tina Aumont, Pino Caruso, Angela Luce

Durata: 99’

 

 

Catania. Anni ‘50. La famiglia La Brocca è colta da un lutto: la moglie di Ignazio è da poco deceduta lasciando anche tre figli, il grande Antonio, il piccolo Enzino e Nino, il medio. Arriva però in casa la domestica Angela La Barbera, contattata proprio dalla moglie di Ignazio prima di morire per avere un aiuto in casa. La presenza di Angela, educata, servizievole, pulita e involontariamente provocante, dapprima scalda gli animi dei tre maschi più adulti e poi, diventa oggetto del desiderio sia del vedovo Ignazio, che la corteggia, che di Nino, che invece la ostacola nel possibile matrimonio con suo padre. Per evitare che quella possa sostituire la defunta, Nino la ricatta evocando lo spirito della madre tutte le volte che Angela si rifiuta di mostrargli le sue bellezze. Approfittando dell’assenza del padre, in campagna a convincere sua madre del futuro matrimonio, Angela dopo l’ennesimo ricatto di Nino decide di possederlo. Finalmente la domestica può diventare moglie di Ignazio e madre dei tre ragazzi.

Una donna che finisce in una casa meridionale di soli uomini. L’idea base di questo film è tutta qui, in un plot semplice raccontato senza troppi sottotesti (Che c’entra Freud adesso? dice Ignazio al prete di famiglia) ma che involontariamente spinge a riflessioni più profonde. Si tratta, infatti, di un triangolo, composto da una donna e da due uomini che a modo loro decidono di amarla, entrambi in fondo spinti al desiderio dal suo corpo, ma con scopi e modalità diverse. Da un lato la donna accetta le gentilezze ed il rispetto del padre Ignazio, ma dall’altro accetta anche le provocazioni, i ricatti ed i soprusi di un ragazzo ancora incapace di comprendere veramente il mondo degli adulti, e soprattutto quello legato al sesso. La sua condizione di donna, la porta a sottomettersi ad entrambi, ma alla fine, soffocata da questa esasperante ambiguità, affronta le sue paure (il buio nel quale possiede Nino). Dal lato di Nino invece, interpretato dal debuttante Alessandro Momo, vicino di casa del regista, si tratta di un quasi completo complesso edipico, risolto il quale il ragazzo è pronto per passare alla fase adulta. Il tema dell’incesto, in realtà solo accennato poiché Angela non è ancora effettivamente madre, il regista lo aveva sfiorato anche nella sua prima pellicola, esordendo con Grazie zia (1968) a soli 24 anni. Soprattutto riguardo a primi aspetti descritti del film, Malizia evoca brevi (forse improprie) similitudini con una grande pellicola uscita nello stesso anno nelle sale, Amarcord (1973) di Federico Fellini dove tra i tanti temi trattati c’era anche il sesso nell’età adolescente, la figura della donna procace di paese, l’immagine provinciale delle relazioni famigliari. Considerato non a torto come il miglior film di Salvatore Samperi (oltre cinque miliardi d’incasso dopo essere uscito il 29 marzo 1973 nelle sale), Malizia però si discosta molto dal lavoro del regista romagnolo, poiché più di quello è diventato esempio di commedia erotica italiana degli anni Settanta, prologo a tutta una produzione di pellicole che dopo questa invasero le sale cinematografiche per oltre un decennio, e tutte mai troppo distanti da questo modello caratterizzato soprattutto da voyeurismo casereccio (gambe spiate da sotto una scala, sguardi che entrano nelle scollature) ed ambientazione provinciale con relative regole (onore famigliare, lutto, condizione della donna, concetto del matrimonio e il prete di famiglia). A renderla una pellicola accattivante, la fotografia d’autore di Vittorio Storaro e le musiche di Fred Buongusto, ma anche una sorta di aggiornamento della commedia meridionale e famigliare degli anni Sessanta, senza veri eccessi erotico-pruriginosi, elementi non indifferenti che riescono a mantenere alto il livello del film, su tutto l’universo di cloni da questo generati. Dopo l’uscita in sala, la protagonista Laura Antonelli divenne in brevissimo tempo simbolo dell’erotismo italiano (due anni prima aveva sfiorato lo stesso successo con Il merlo maschio (1971) di Pasquale Festa Campanile), grazie soprattutto a Samperi che la volle per il ruolo di Angela, contraddicendo le richieste del produttore Silvio Clementelli che avrebbe voluto invece Mariangela Melato [i] per il ruolo della domestica. Laura Antonelli ottenne così il premio speciale della giuria alla consegna dei David di Donatello, mentre la pellicola fu selezionata per rappresentare l’Italia al XXIII Festival di Berlino. Alessandro Momo invece, perse la vita a diciotto anni (quando fece Malizia ne aveva quattordici) in un incidente stradale. A distanza di parecchi anni, il regista decise di dirigere il sequel, Malizia 2000 (1991), sempre con Laura Antonelli e Turi Ferro, ma non riscuotendo alcun successo questa volta. In una classifica comparata su un valore medio costante del 1995, Malizia risultava ancora al decimo posto assoluto tra le pellicole italiane di ogni tempo [ii]. Il primo titolo pensato per il film era stato Senza malizia.

 

 

Bucci Mario

        videodrome76@hotmail.com

 



[i] Marco Giusti. Dizionario dei film italiani Stracult. Sperling & Kupfer

[ii] Giancarlo Beltrame. Articolo pubblicato su Sex! I cinquanta film più erotici della storia del cinema. Allegato al mensile Ciak ottobre 2003.